segunda-feira, 22 de dezembro de 2014

BENTO XVI: a celebração do Natal renova a certeza de que Deus está realmente presente connosco, é ainda «carne» e não está só distante: embora esteja com o Pai, está próximo de nós.


PAPA BENTO XVIAUDIÊNCIA GERAL
Sala Paulo VIQuarta-feira, 21 de Dezembro de 2011

O Santo Natal
Amados irmãos e irmãs,
Estou feliz por vos receber na Audiência geral a poucos dias da celebração do Natal do Senhor. A saudação que nestes dias está nos lábios de todos é: «Feliz Natal! Votos de boas festas natalícias!». Façamos com que, também na sociedade contemporânea, a troca dos bons votos não perca o seu profundo valor religioso, e a festa não seja absorvida pelos aspectos exteriores, que tocam as cordas do coração. Sem dúvida, os sinais externos são bonitos e importantes, contanto que não nos distraiam mas, ao contrário, nos ajudem a viver o Natal no seu sentido mais verdadeiro, o sagrado e cristão, de modo que também a nossa alegria não seja superficial, mas profunda.
Com a liturgia natalícia, a Igreja introduz-nos no grande Mistério da Encarnação. Com efeito, o Natal não é um simples aniversário do Nascimento de Jesus; é também isto, mas é mais, é celebração de um Mistério que marcou e continua a marcar a história do homem — o próprio Deus veio habitar no meio de nós (cf. Jo 1, 14), fez-se um de nós; um Mistério que diz respeito à nossa fé e à nossa existência; um Mistério que vivemos concretamente nas celebrações litúrgicas, em particular na Santa Missa

Alguém poderia perguntar-se: como é possível que eu viva agora um acontecimento tão distante no tempo? Como posso participar fecundamente no Nascimento do Filho de Deus, ocorrido há mais de dois mil anos? Na Santa Missa da Noite de Natal, repetiremos como refrão ao Salmo responsorial estas palavras: «Hoje nasceu para nós o Salvador». Este advérbio de tempo, «hoje», recorre várias vezes em todas as celebrações natalícias e refere-se ao acontecimento do Nascimento de Jesus e à salvação que a Encarnação do Filho de Deus vem trazer. Na Liturgia, este acontecimento ultrapassa os limites do espaço e do tempo e torna-se actual, presente; o seu efeito perdura, apesar do decorrer dos dias, dos anos e dos séculos. Indicando que Jesus nasce «hoje», a Liturgia não usa uma frase sem sentido, mas ressalta que este Nascimento envolve e permeia toda a história, permanece uma realidade também hoje, à qual podemos chegar precisamente na liturgia. 


Para nós, crentes, a celebração do Natal renova a certeza de que Deus está realmente presente connosco, é ainda «carne» e não está só distante: embora esteja com o Pai, está próximo de nós. Deus, naquele Menino nascido em Belém, aproximou-se do homem: podemos encontrá-lo agora, num «hoje» que não conhece ocaso.
Gostaria de insistir sobre este ponto, porque o homem contemporâneo, homem do «sensível», do experimentável empiricamente, tem cada vez mais dificuldade de abrir os horizontes e entrar nmundo de Deus. A redenção da humanidade realiza-se certamento e num momento específico e identificável da história: no acontecimento de Jesus de Nazaré; mas Jesus é o Filho de Deus, é o próprio Deus, que não só falou ao homem, mostrou-lhe sinais admiráveis, guiou-o ao longo de toda uma história de salvação, mas fez-se homem e permaneceu homem.

 O Eterno entrou nos limites do tempo e do espaço, para tornar possível «hoje» o encontro com Ele. Os textos litúrgicos natalícios ajudam-nos a compreender que os acontecimentos da salvação realizada por Cristo são sempre actuais, dizem respeito a cada homem e a todos os homens. 

Quando ouvimos ou pronunciamos, nas celebrações litúrgicas, este «hoje nasceu para nós o Salvador», não usamos uma expressão convencional vazia, mas queremos dizer que Deus nos oferece «hoje», agora, para mim, para cada um de nós, a possibilidade de O reconhecer e acolher, como fizeram os pastores em Belém, para que Ele nasça inclusive na nossa vida e a renove, ilumine e transforme com a sua Graça, com a sua Presença.
Portanto, o Natal enquanto comemora o Nascimento de Jesus na carne, a partir da Virgem Maria — e numerosos textos litúrgicos fazem reviver aos nossos olhos este ou aquele episódio — é um acontecimento eficaz para nós. Apresentando o sentido profundo da Festa do Natal, o Papa são Leão Magno convidava os seus fiéis com estas palavras: «Exultemos no Senhor, meus amados, e abramos o nosso coração à alegria mais pura, porque surgiu o dia que para nós significa a nova redenção, a antiga preparação, a felicidade eterna. Com efeito, renova-se para nós no recorrente ciclo anual, o alto mistério da nossa salvação que, prometido no início e concedido no final dos tempos, está destinado a durar sem fim» (Sermo 22, In Nativitate Domini, 2, 1: PL 54, 193). E, ainda são Leão Magno, noutra sua Homilia de Natal, afirmava: «Hoje o Autor do mundo foi gerado do seio de uma virgem: Aquele que fez todas as coisas tornou-se filho de uma mulher, por Ele mesmo criada. Hoje, o Verbo de Deus apareceu revestido de carne e, embora nunca tivesse sido visível aos olhos humanos, tornou-se também visivelmente palpável. Hoje, os pastores ouviram da voz dos anjos que nasceu o Salvador, na substância do nosso corpo e da nossa alma» (Sermo 26, In Nativitate Domini, 6, 1: PL 54, 213).
Há um segundo aspecto, ao qual gostaria de me referir brevemente: o acontecimento de Belém deve ser considerado à luz do Mistério pascal: ambos fazem parte da única obra redentora de Cristo. A Encarnação e o Nascimento de Jesus já nos convidam a dirigir o olhar para a sua morte e ressurreição: Natal e Páscoa são ambos festas da redenção. A Páscoa celebra-a como vitória sobre o pecado e a morte: determina o momento final, quando a glória do Homem-Deus resplandece como a luz do dia; o Natal celebra-a como o entrar de Deus na história, fazendo-se homem para levar o homem a Deus: marca, por assim dizer, o momento inicial, quando se entrevê o clarão da alvorada. Mas precisamente como a aurora precede e já faz pressentir a luz do dia, assim o Natal já anuncia a Cruz e a glória da Ressurreição. Também os dois períodos do ano, em que estão inseridas estas duas grandes festas, pelo menos em certas regiões do mundo, podem ajudar a compreender este aspecto. Com efeito, enquanto a Páscoa se celebra no início da Primavera, quando o sol vence os nevoeiros densos e frios, e renova a face da terra, o Natal celebra-se precisamente no início do Inverno, quando a luz e o calor do sol não conseguem despertar a natureza, envolvida pelo frio, sob cujo manto, contudo, palpita a vida e recomeça a vitória do sol e do calor.
Os Padres da Igreja liam sempre o Nascimento de Cristo à luz de toda a obra redentora, que encontra o seu ápice no Mistério pascal. A Encarnação do Filho de Deus manifesta-se não só como o início e a condição da salvação, mas como a própria presença do Mistério da nossa salvação: Deus faz-se homem, nasce criança como nós, assume a nossa carne para derrotar a morte e o pecado. Dois textos significativos de são Basílio explicam-no bem. São Basílio dizia aos fiéis: «Deus assume a carne precisamente para destruir a morte nela escondida. Como os antídotos a um veneno, quando são ingeridos, anulam os seus efeitos, e como as trevas de uma casa se dissipam à luz do sol, assim a morte que predominava sobre a natureza humana foi destruída pela presença de Deus. E como o gelo que permanece sólido na água, enquanto dura a noite e reinam as trevas, mas derrete-se imediatamente ao calor do sol, assim a morte que reinara até à vinda de Cristo, logo que surgiu a graça de Deus Salvador e despontou o sol da justiça, “foi engolida pela vitória” (1 Cor 15, 54), pois não podia coexistir com a Vida» (Homilia sobre o Nascimento de Cristo, 2: pg 31, 1461). E ainda são Basílio, noutro texto, dirigia este convite: «Celebremos a salvação do mundo, o Natal do género humano. Hoje foi perdoada a culpa de Adão. Já não devemos dizer: “És pó e pó te hás-de tornar” (Gn 3, 19), mas: unido Àquele que veio do Céu, serás admitido no Céu» (Homilia sobre o Nascimento de Cristo, 6: pg 31, 1473).
No Natal encontramos a ternura e o amor de Deus que se inclina sobre os nossos limites, as nossas debilidades, os nossos pecados, e desce até nós. São Paulo afirma que Jesus Cristo, «embora fosse de condição divina... aniquilou-se a si mesmo, assumindo a condição de escravo e assemelhando-se aos homens» (Fl 2, 6-7). Contemplemos a gruta de Belém: Deus abaixa-se a ponto de ser colocado numa manjedoura, que já é prelúdio da humilhação na hora da sua paixão. O ápice da história de amor entre Deus e o homem passa através da manjedoura de Belém e do sepulcro de Jerusalém.


Caros irmãos e irmãs, vivamos com alegria o Natal que se aproxima. Vivamos este acontecimento maravilhoso: o Filho de Deus nasce ainda «hoje», Deus está verdadeiramente próximo de cada um de nós e quer encontrar-nos, deseja levar-nos até Ele. Ele é a verdadeira luz, que dissipa e dissolve as trevas que envolvem a nossa vida e a humanidade. Vivamos o Natal do Senhor, contemplando o caminho do amor imenso de Deus, que nos elevou a Si através do Mistério da Encarnação, Paixão, Morte e Ressurreição do seu Filho, porque — como afirma santo Agostinho — «em [Cristo] a divindade do Unigénito fez-se partícipe da nossa mortalidade, a fim de que nós participássemos na sua imortalidade» (Epístola 187, 6, 20: pl 33, 839-840). Sobretudo, contemplemos e vivamos este Mistério na celebração da Eucaristia, centro do Santo Natal; ali torna-se presente de modo real Jesus, verdadeiro Pão que desceu do Céu, autêntico Cordeiro sacrificado pela nossa salvação.
Faço votos a todos vós e às vossas famílias, para que celebreis um Natal autenticamente cristão, de modo que também a troca de bons votos nesse dia seja expressão da alegria de saber que Deus está próximo de nós e quer percorrer connosco o caminho da vida. Obrigado!

MARY: This is the moment of the great battle, when Satan uses his entire army. The battle will be fierce. The struggle an immense one. The victory great; but only with my help can anyone be saved.

Our Lady of Fatima

7. The Moment of the Great Battle

Print This Post Print This Post
Mary
The army of darkness gathers on the horizon.  However, the daylight has not yet arrived and they cannot be seen.  This allows the forces of evil to spread out according to their plan.  They take strategic positions so that when the attacks begin there will be no escape.  They will capture and control.  Their goal is to inflict sufferings upon mankind, so that despair and helplessness seize the hearts of all.  In this way, their victory will be more complete.  They know what they wish to accomplish.  They want to cut mankind off from the Creator and to cast everyone into disbelief.  They are not interested in capturing material earth but in claiming immortal souls.
They want to destroy man’s spirit and cut him off from his life-giving relationship to Jesus and the power of the resurrection.  Once that occurs, he will have successfully overcome the defeat he suffered when Jesus died on the cross.  How he has waited for this moment!  Through all the ages, he has planned this.  Anyone believing that these are normal times and normal problems, is deceived.  This is the moment of the great battle, when Satan uses his entire army.  The battle will be fierce.  The struggle an immense one.  The victory great; but only with my help can anyone be saved.
Comment:  Wake up!  Future events will not just be the usual problems.  A spiritual war will break out with grave consequences for human history.

6. The World’s Communication Systems

Print This Post Print This Post
Mary 
There are no limits and there are no walls – all have access to the unlimited riches of my heart.  Why hold back?  Why try to save for the future when the future is now?  Satan is ready to put everything on the table, to release all the evil he has stored up for 2000 years.  Why, then, should I do less?  Why should I hold back my gifts?  This is the moment.  All comes to a flashpoint.  Suddenly and without warning.  A breakthrough here.  Another there.  Suddenly, many at once, all interconnected, all planned by a great intellect that is totally saturated in evil.
Why, then, should I hold back?  Why would I not give every power and every protection to my children? This will surprise Satan.  He does not know these gifts which are hidden in my heart.  He has never faced them before.  They will puzzle and confuse him.  They will blunt his powers.  In spite of the destruction, people will not despair.  They will not give up.
I am speaking very clearly.  The world has built very sophisticated and complicated systems which can easily be rendered powerless.  The world now depends on those systems, like a sick person dependent on machines to sustain his life.  What if these systems are rendered powerless?  What will result?  Widespread confusion, turmoil and despair.  That is why I reveal these new giftsMy children will be protected, but only in my Immaculate Heart. Go there and stay there.  Let the churches be open for my people to come.  Let the priests, religious and lay ministers be there to pray with them.  I will be there.  How much I want my priests and people to gather!  This is not the time to scatter.  I have spoken clearly enough for now.  As the events get closer, my words will become sharper and more pointed.
Comment:  Our Lady is obviously speaking about confusion and disruption that will be caused by failure in the world wide systems of communication.

5. Stop Limiting Our Lady’s Power

Mary 
Stop limiting my love.  Stop limiting my power.  Stop limiting my presence!  I speak so you throw off these limits to your faith.  The heavenly Father has placed every gift in my heart.  Do not be surprised at this.  Did He not place His only Son in my womb?  Did He not overshadow me with His Holy Spirit?  Now, He has given me a command to be with the world in a new way.  This is easy to explain.
The Word, the eternal Son of the Father, was always with the world.  Through Him, all things were (Jn.1:13).  But in the fullness of time, the Word became flesh.  This was according to the Father’s will.  The Son was told to be with the world in a new way.
Now, at this time and at this moment in world history, the Father has commanded me to come to the world in a new way, so He can reveal treasures that He has hidden in my Immaculate Heart and to release new powers that have never been given before.
All of this is the Father’s plan to aid the world as it enters a time of great tribulations.  I speak these words now as promises waiting to be fulfilled.  The time is now but the gifts must wait until people stop limiting my love, my power and my presence.
All will break through, like fresh streams, surprising everyone.   When this happens, you must believe.  You must go and drink from those new streams.  Otherwise, the Father’s great gifts will be wasted.
Comment:  Our Lady explains well how God always has new ideas of how to intervene.  The intervention is effective only if people believe and take advantage of the new streams.

4. Putin Is Dangerous

Print This Post Print This Post
Mary
I open up all my heart to the whole world.  I hold back none of my vision nor any of my secrets because the time is so short.
For years, I have been appearing to chosen souls, revealing to the world through them the teachings needed for the future trials.  These are well known and I invite the reader to study my revelations, especially at Fatima.  You will see that in these present locutions, I am not saying anything new.  The warnings have been on the table for decades.  Yet, so many have not heeded my words.
The Fatima warnings spoke of future events and now, almost 100 years later, they have not yet happened.  My words now are that the time is very short.  The events are on the horizon.  Although they have not yet happened, the events are beginning to come to the surface.  Putin is at the center of some of these events.  He himself has no set plan.  He is totally guided by the Evil One who is always using him to disrupt.  Putin is dangerous because he has so many resources at his disposal and because he is willing to risk everything to regain Russia’s former stature.
Comment:  Our Lady reveals two secrets – that the events she has spoken of at Fatima are close and that some of these events are linked to Putin.

3. The Heavenly Fire’s Powers

Print This Post Print This Post
Mary
There are two fires.  You see the fires of hell which lead mankind to wars and destruction.  Still hidden are my fires of heaven.  Fire should be fought with fire but until now the fires of heaven burn only in my heart.  How I long to pour out these fires upon the whole earth.
This heavenly fire has three gifts.  What can this heavenly fire do?  Love is its greatest gift and will be so much needed when the events begin.  In those days, people must love one another and care for one another.  People will experience gigantic losses and will need a support that no government can provide.  Only love from others will supply their needs.
This fire also gives light.  So much will be different.  The former wisdom will not suffice.  New lights, new directions and new initiatives will be needed that can only come from my fire.
Finally, my fire will protect.  This is the most important.  As Satan unleashes these events, one by one, the usual walls that protect society will crumble.  Satan will be like an enemy attacking a city which he can enter easily.  I will surround every person who calls on me, with my fire of protection.  Although the walls collapse I will keep them safe, individually and collectively, privately and especially as they gather.
Comment:  Our Lady reveals the three special powers of her fire.

2. What God Did For Our Lady

Mary
I want to reveal every secret in my heart.  Only in this way, will the world enjoy enough light to overcome the darkness.  I will begin with all that God did for me.
I am joined to God’s Son, more than any mother to any child.  This union comes from both nature and grace.  I am joined by maternal love, the greatest love any mother has for a child.  I am also joined to Jesus by my Immaculate Conception.  From the very first instant of my existence, Jesus flooded me with his Holy Spirit.  Not one inch, not one hairs’ breadth separated us.  No other creature is so intimately joined to Jesus.  The Father gave to Jesus’ humanity (which he received from me) all the divine powers.  Jesus shared with me every possible gift.  “I will use you as my instrument” said Jesus.
Can the Father do this?  Can He bring a woman so close to himself through the humanity that the Spirit formed in her, that He makes her an instrument of all his graces?  Who dares to say that God cannot do this while at the same time allowing me to be a creature, infinitely below Him?  Once this is understood, I can reveal all my secrets.
Comment:  Our Lady sets the stage for great inner revelations.

1. Retrieving Abandoned Lights

Print This Post Print This Post
Mary
I would bathe the world in quite different events.  History does not have just one road, a path that leads only into darkness.  That was the only road before Jesus came. Now, a new path lies before mankind.
Unfortunately, that path has been concealed and covered over.  People have set aside their light of faith.  It lies abandoned by the wayside.  They have been captured by all that is new, all the promises of a world built upon science.
I have picked up all these abandoned lights of faith.  They are not lost forever.  I have saved them in my heart, waiting for the moment when the events of darkness shatter the false illusions which have captured so many.
That moment will come.  The great illusions that science can produce a heaven on earth without the help of faith will be broken. Many will submit totally to despair.  Others will seek their lost torch of faith.  They will find it kept safely in my heart.
Why not seek it now?  Why wait until the dangers encircle the earth?  That is what I will explain now.  O reader, I offer to you a new torch of faith.  I will place it quickly in your heart.  You will cherish it and will never abandon it again.  Hold on to this light and it will never go out.  You will need it for the darkness.
Comment:  Our Lady invites us to a different path which can be seen only by the torch of faith.

Pontifical Mass celebrated by Bishop Robert Morlino - Madison, Wisconsin


Immaculate Conception 2014 Photopost


Our thanks to all those who sent in their photographs of liturgies celebrated on the Immaculate Conception. Scroll down and you can check out some beautiful and perfectly licit blue vestments from the Philippine Islands and Chile. Our next photopost will be of Rorate Masses, and Masses for Gaudete Sunday; please send your photos in by the 24th.

Pontifical Mass celebrated by Bishop Robert Morlino - Madison, Wisconsin




http://www.newliturgicalmovement.org/

SUA SANTIDADE BENTO XVI: Teologia della liturgia - questo significa che Dio agisce per mezzo del Cristo nella liturgia e che noi non possiamo agire che per mezzo Suo e con Lui.



  • La liturgia: opera del Cristo vivente
  • Il messaggio del Nuovo Testamento: fine del rito o nascita della liturgia nuova?
  • Partecipazione all’azione liturgica
  • Il nesso indissolubile tra il sacramento e la Chiesa, nella storia
  • Il senso delle realtà sacramentali
  • La liturgia: fedeltà irreformabile e rinnovamento
  • Due esempi
  • I Templi pagani e l’edificio liturgico nell’ebraismo e nel cristianesimo
  • In cosa consiste il sacrificio del Cristo
  • La liturgia: opera del Cristo vivente

    Teologia della liturgia - questo significa che Dio agisce per mezzo del Cristo nella liturgia e che noi non possiamo agire che per mezzo Suo e con Lui. Da noi stessi non possiamo costruire la nostra via verso Dio. Questa via non è percorribile, eccetto il caso che Dio stesso si faccia la via. E una volta per sempre: le vie dell’uomo che non pervengono accanto a Dio sono delle non-vie.

    Teologia della liturgia significa inoltre che nella liturgia il Logos stesso ci parla e non solo parla: viene con il Suo corpo, la Sua anima, la Sua carne, il Suo sangue, la Sua divinità, la Sua umanità per unirci a Lui, per fare di noi "un solo corpo". Nella liturgia cristiana tutta la storia della salvezza, anzi tutta la storia della ricerca umana di Dio, è presente, viene assunta e portata al suo compimento. La liturgia cristiana è una liturgia cosmica - abbraccia la creazione intera che attende con impazienza la rivelazione dei figli di Dio (Rm 8, 19).

    Trento non si ingannò, si appoggiò sul solido fondamento della Tradizione della Chiesa.
    (da La teologia della liturgia, Conferenza tenutasi nel monastero di Fontgombault dell’allora Cardinale Joseph Ratzinger, svoltasi presso l’Abbazia benedettina di “Notre Dame de Fontgombault”, in Francia, 22-24 luglio 2001)

    Penso che ciò che avviene nel Battesimo si chiarisca per noi più facilmente, se guardiamo alla parte finale della piccola autobiografia spirituale, che san Paolo ci ha donato nella sua Lettera ai Galati. Essa si conclude con le parole che contengono anche il nucleo di questa biografia: "Non sono più io che vivo, ma Cristo vive in me" (Gal 2, 20). Vivo, ma non sono più io. L'io stesso, la essenziale identità dell'uomo – di quest'uomo, Paolo – è stata cambiata. Egli esiste ancora e non esiste più. Ha attraversato un "non" e si trova continuamente in questo "non": Io, ma "non" più io. Paolo con queste parole non descrive una qualche esperienza mistica, che forse poteva essergli stata donata e che, semmai, potrebbe interessare noi dal punto di vista storico. No, questa frase è l'espressione di ciò che è avvenuto nel Battesimo. Il mio proprio io mi viene tolto e viene inserito in un nuovo soggetto più grande. Allora il mio io c'è di nuovo, ma appunto trasformato, dissodato, aperto mediante l'inserimento nell'altro, nel quale acquista il suo nuovo spazio di esistenza. Paolo ci spiega la stessa cosa ancora una volta sotto un altro aspetto quando, nel terzo capitolo della Lettera ai Galati, parla della "promessa" dicendo che essa è stata data al singolare – a uno solo: a Cristo. Egli solo porta in sé tutta la "promessa". Ma che cosa succede allora con noi? Voi siete diventati uno in Cristo, risponde Paolo (Gal 3, 28). Non una cosa sola, ma uno, un unico, un unico soggetto nuovoQuesta liberazione del nostro io dal suo isolamento, questo trovarsi in un nuovo soggetto è un trovarsi nella vastità di Dio e un essere trascinati in una vita che è uscita già ora dal contesto del "muori e divieni". La grande esplosione della risurrezione ci ha afferrati nel Battesimo per attrarci. Così siamo associati ad una nuova dimensione della vita nella quale, in mezzo alle tribolazioni del nostro tempo, siamo già in qualche modo introdotti. Vivere la propria vita come un continuo entrare in questo spazio aperto: è questo il significato dell'essere battezzato, dell'essere cristiano. È questa la gioia della Veglia pasquale. La risurrezione non è passata, la risurrezione ci ha raggiunti ed afferrati. Ad essa, cioè al Signore risorto, ci aggrappiamo e sappiamo che Lui ci tiene saldamente anche quando le nostre mani si indebolisconoCi aggrappiamo alla sua mano, e così teniamo le mani anche gli uni degli altri, diventiamo un unico soggetto, non soltanto una cosa sola. Io, ma non più io: è questa la formula dell'esistenza cristiana fondata nel Battesimo, la formula della risurrezione dentro al tempo. Io, ma non più io: se viviamo in questo modo, trasformiamo il mondo. È la formula di contrasto con tutte le ideologie della violenza e il programma che s'oppone alla corruzione ed all'aspirazione al potere e al possesso.
    (dall’omelia di Benedetto XVI nella Veglia Pasquale nella Notte Santa del 15 aprile 2006)

    Cari fratelli... il Giovedì Santo è il giorno in cui il Signore diede ai Dodici il compito sacerdotale di celebrare, nel pane e nel vino, il sacramento del suo corpo e del suo sangue fino al suo ritorno. Al posto dell'agnello pasquale e di tutti i sacrifici dell'Antica Alleanza subentra il dono del suo corpo e del suo sangue, il dono di se stesso. Così il nuovo culto si fonda nel fatto che, prima di tutto, Dio fa un dono a noi, e noi, colmati da questo dono, diventiamo suoi: la creazione torna al Creatore. Così anche il sacerdozio è diventato una cosa nuova: non è più questione di discendenza, ma è un trovarsi nel mistero di Gesù Cristo. Egli è sempre Colui che dona e ci attira in alto verso di sé. Soltanto Lui può dire: «Questo è il mio corpo - questo è il mio sangue». Il mistero del sacerdozio della Chiesa sta nel fatto che noi, miseri esseri umani, in virtù del sacramento possiamo parlare con il suo io: in persona Christi. Egli vuole esercitare il suo sacerdozio per nostro tramite. Questo mistero commovente, che in ogni celebrazione del sacramento ci tocca di nuovo, noi lo ricordiamo in modo particolare nel Giovedì Santo. Perché il quotidiano non sciupi ciò che è grande e misterioso, abbiamo bisogno di un simile ricordo specifico, abbiamo bisogno del ritorno a quell'ora in cui egli ha posto le sue mani su di noi e ci ha fatti partecipi di questo mistero.
    (dall’Omelia di Benedetto XVI per la Messa del Crisma del Giovedì Santo 13 aprile 2006)

    http://www.gliscritti.it/index.html

    sábado, 20 de dezembro de 2014

    Maria :Queste parole devono venire registrate ora, così che tutto il mondo saprà che ho rilasciato i più gravi avvertimenti.

    6 dicembre, 2014
    Maria
    Queste parole devono venire registrate ora, così che tutto il mondo saprà che ho rilasciato i più gravi avvertimenti. Le parole devono fuoriuscire, pubblicate apertamente, “scritte sui muri” per così dire, in modo che quando si avvereranno tutti dovranno dire che ero stato una vera madre e non ho trattenuto la mia saggezza.
    Questo è l’anno degli eventi. Molti, molti pericoli sono presenti. Essi sono già in prima pagina, ma io sto parlando di nuovi eventi, eventi sorprendenti che nessuno di voi può prevedere. Questo sta già avvenendo nella divisione razziale che ora fa la sua ricomparsa in America, quando tutti pensavano che i problemi erano stati risolti dalla normativa per i diritti civili. Questo è solo l’inizio di nuovi eventi.
    Queste forze sono già inabissate nella storia umana, le forze che dividono e separano, le forze che eromperanno in una grande distruzione.
    I più grandi eventi saranno il collasso delle strutture economiche. Questo porterà a problemi anche più enormi. Ci sarà rivalità tra le nazioni, rottura di cooperazioni amichevoli che sono in vigore da anni. Le cause di queste divisioni potranno variare, ma quando vedrete che varie nazioni si pongono a distanza, quando vedrete le relazioni divenire tese e anche addivenire a rotture, allora saprete che ve lo avevo predetto prima del tempo.
    Tutte queste divisioni provengono dal Maligno. Le divisioni non sono le fasi finali, ma esse preparano per maggiori problemi. Quando le nazioni sono in pace, esse possono superare e riparare a situazioni difficili. Quando esse sono separate da divisioni, non possono adeguatamente rispondere alle nuove crisi, quelle che non avevano previsto.
    Commento: In passato, la Madonna ha parlato delle rivoluzioni arabe, i problemi della Siria, della Russia, dell’Ucraina e dell’ISIS. Queste sono ora alla vista di tutti. Sono evidenti. Adesso comincia a parlare di ciò che al momento non può ancora essere visto.
    7 dicembre 2014
    Maria
    Io vi immergo nei grandi misteri e rivelerò tutto ciò che è possibile, perché non posso più tenere questi eventi nel mio Cuore. Come una madre addolorata, devo parlare per alleviare i pesi.
    La Russia continuerà a perseguitare il mio popolo in Ucraina. Le sanzioni non faranno retrocedere Putin. Anche se infliggono grandi ferite, egli assorbirà la punizione inflitta, come un combattente che non si arrende.
    La Russia diventerà come la Siria, una costante fonte di perturbazione. Tuttavia, qualcosa di ancora più profondo sta accadendo. Così come la rivoluzione siriana ha destabilizzato il Medio Oriente perché è perdurata per molti anni, così agirà la Russia in Europa. La Russia era diventata una parte importante dell’economia europea. Il presidente Obama insiste su sanzioni economiche e si rifiuta di aiutare l’Ucraina militarmente. Egli sta indebolendo le economie europee. Questa è la ricaduta a lungo termine delle sanzioni, che avranno molte ripercussioni come altri problemi fuoriusciranno quest’anno.
    Tutto questo non è previsto dagli uomini, ma io vedo il piano di Satana fin troppo chiaramente. Egli nasconde i suoi veri obiettivi e ottiene che le nazioni camminino lungo i suoi sentieri. Quest’anno ogni evento accadrà passo dopo passo, un evento alla volta, con ogni evento legato strettamente a quanto è accaduto e accadrà.
    L’intelletto dell’uomo non è partita a suo pari. Le soluzioni umane sono come muri di carta poste nei suoi fuochi. Solo la Donna vestita di Sole conosce il vero percorso di pace e per questo sto cercando di illuminare il mondo.
    Commento: Senza luce del cielo, le soluzioni umane fanno solo il gioco nelle mani di Satana.
    Commento: Con tutti i peccati dell’uomo, ci deve essere una purificazione. La Madonna promette il suo aiuto in questi eventi.
    8 dicembre 2014
    Maria
    Entro in questi prossimi eventi con il dolore di una madre. Il mio unico obiettivo è quello di proteggere i miei figli. In primo luogo, devo ottenere la loro attenzione per istruirli. In secondo luogo, devo mostrare loro la via per la sicurezza e la pace. In terzo luogo, devo agire nella storia, formando gli eventi e plasmandoli. Questo è quello che voglio spiegare - le forze presenti nella storia umana e come intervenire.
    Il Padre celeste ha creato il mondo e la persona umana. Con tale decisione, la storia umana ha avuto inizio. Il tempo già esisteva, ma non c’era mai stata una storia umana, una storia di liberi, intelligenti esseri viventi sulla terra. La Terra non è stata la prima creazione di Dio. Gli angeli esistevano già e la decisione angelica del “sì” o “no” era già stata fatta.
    Come ha avuto inizio la storia umana, i progenitori sono stati i prediletti da Dio. Essi sarebbero stati la fonte di tutti gli altri esseri umani che sarebbero venuti dopo. Questo non è vero per gli angeli, perché ciascuno viene totalmente e direttamente dalla mano di Dio.
    Immaginate l’importanza di questo primo uomo e prima donna, la fonte di ogni vita umana. Le loro decisioni erano così importanti. Hanno avuto la possibilità di tramandare la vita spirituale, le ricchezze poste nei loro cuori. Ma questo non è accaduto. Satana ha rubato queste ricchezze. Essi si sono arresi così facilmente. Queste sono state le prime decisioni della storia umana.
    Commento: La Madonna ci vuole far capire le forze della storia umana.
    9 dicembre 2014
    Maria
    Una volta che il peccato è entrato nel mondo, il disegno del Padre è stato frantumato in mille pezzi. Tutto quello che sognava e tutte le benedizioni che voleva dare erano andate perdute. Come avrebbe ripristinato il dono? Ha scelto una donna. Sarebbe stata la nuova Eva, madre dei viventi (Gen.3: 15). Questo era il piano del Padre dal principio. Quello che sto insegnando è basato sull’antica promessa che ora sta divenendo realtà davanti ai vostri occhi.
    Sì, davanti ai vostri occhi! Vedrete questi eventi e capirete da dove vengono. Essi sono manifestazioni di peccati che sono stati sepolti nella storia umana per secoli. Ora è il momento per loro di fuoriuscire. Fuoriusciranno in modo che possano essere eliminati, come un corpo umano che soffre di una grande febbre.
    Chi guiderà la povera umanità attraverso queste manifestazioni? Io sono il medico, una madre china sul proprio figlio malato, al contempo confortando e guarendo, pianificando ogni passo fino a quando la malattia verrà eliminata.
    Ricordate le mie parole e capirete il prossimo anno. Sarò al capezzale dell’uomo fino a quando lui starà di nuovo bene. Beati coloro che vedono, che credono e che sanno cercare il mio conforto.
    Commento: Con tutti i peccati dell’uomo, ci deve essere una purificazione. La Madonna promette il suo aiuto in questi eventi.
      
    10 dicembre 2014
    Maria
    “Devo dire ai miei figli. Devo avvertire i miei figli. Devo proteggere i miei figli”. Questi sono i pensieri di una madre quando apprende di pericoli. Sono i miei sentimenti che mi portano a riversare queste parole.
    I leader mondiali non agiscono nella fede. Le persone, anche, non consentono alla fede di illuminare le loro decisioni. Tutto è deciso dall’intelletto umano, che getta una luce molto fioca. Esso vede solo la superficie e non penetra. Non può percepire le forze sepolte nei cuori umani, né può affrontare il male. Le decisioni che derivano da espedienti causano mille passi falsi e portano nelle trappole di Satana.
    Tutto diventerà così evidente, come un esercito che è stato conquistato per la follia dei suoi generali. Giorno dopo giorno, la trappola viene impostata ed il mondo, attratto da falsi obiettivi, vi entra con entusiasmo. Un momento verrà quando la trappola sarà chiusa ed il mondo vedrà se stesso catturato da forze che verranno rilasciate improvvisamente e sorprendentemente. Tutto è chiaro alla mia visione - il tempo, il momento, i luoghi, le cause ed i risultati.
    Come una madre, tutto quello che posso dire è: “State vicino a me. Le forze sono troppo complesse per potervi dare indicazioni. Ma se state con me, vi terrò al sicuro. Ora non è il momento di girovagare. Non mettete da parte le grazie che vi dò oggi.” Il tempo è breve e c’è così poca opposizione che rallenti il calendario di Satana. Egli aspetta solo perché vede maggiori opportunità, se non corre in avanti. Non fatevi ingannare dal ritardo. Vuole intrappolare tutto il mondo e sta semplicemente aspettando fino a che non avrà il controllo su alcuni importanti centri di potere.
    Commento: La Madonna ci avverte. Le persone spesso giudicano un ritardo come se non potrà mai avvenire.
    11 dicembre 2014
    Maria
    Da tutti questi eventi, un grande dono uscirà. L’umanità sarà umiliata, perché la follia che sembrava saggezza sarà esposta. Come ciascuno degli eventi accadrà, le persone si chiederanno: “Perché ci costruivamo la nostra casa sulla sabbia?” E: “Perché non abbiamo camminato nella verità”? I debiti vengono rinviati come se il domani non dovesse arrivare. Eppure, il domani sta rapidamente diventando l’oggi, ed il futuro sta diventando ora.
    Questo è il tema di oggi. Il sistema economico è stato costruito su un milione di domani. Tutto sarà pagato domani ed il peso del debito cresce. La prosperità regna perché nessuno paga per questo. Tutto è rinviato. I flussi di credito sono come la marea di un oceano straripante.
    Quanto tempo fino a quando accadrà l’incidente? Esso viene costantemente rinviato da misure che non potranno che moltiplicare i problemi quando arriveranno. “Non sulla mia agenda”, dicono i leader politici, in modo da passare il debito alle generazioni future, che sono mal preparate per atti di risparmio di denaro.
    Ora, devo parlare dal mio Cuore. I debiti crescono, non solo in un paese ma in molti, in una sola volta. Essi tutti si accumulano. Il peso diventerà rapidamente troppo, da poterlo sopportare. La svolta avverrà, piccola in un primo momento. Tuttavia, tante economie sono deboli e tutte sono interconnesse, di modo che piccoli inizi portano a risultati imprevedibili. Improvvisamente, arriverà il crollo che nessuno avrebbe potuto prevedere e per il quale ci saranno solo un paio di risposte inadeguate.
    L’umanità andrà avanti da lì, sempre cercando di risolvere i suoi problemi con la luce della ragione, credendo che la fede non abbia nulla a che fare con l’economia. Eppure, è la mancanza di fede nelle vie di Dio che ha portato l’uomo su queste strade, in primo luogo.
    In questo momento, starò ancora in panchina. Altri eventi dovranno verificarsi prima che io sia pienamente invocata dalla Chiesa. Eppure, quel giorno della consacrazione della Russia al mio Cuore Immacolato si terrà, anche se, sarà tardi.
    Commento: Senza prendere decisioni alla luce della fede, l’uomo costruisce inevitabilmente falsi sistemi.
    12 dicembre 2014
    Maria
    L’umanità deve venire lavata, pulita e purificata. In caso contrario, essa non può ricevere le grandi grazie che sono immagazzinate nel mio Cuore Immacolato. Se il genere umano si rivolgerà a me, un modo si aprirà affinché questa purificazione si verifichi rapidamente e anche con una grande gioia. Non conosco forse le vie del bene e del male? Non mi ha il Padre celeste riempito di saggezza? Non sto cercando di riversare questa luce su tutti?
    Non permetterò di perdersi a nessuno che si rivolge a me. Quando gli eventi cominceranno, li radunerò nei segreti recessi del mio Cuore. Troveranno anche altri raccolti lì e, insieme, essi persevereranno.
    Tanto cambierà. Il possente e forte troverà grande difficoltà a far fronte agli eventi, ma i più piccoli potranno godere della mia protezione. Lasciate che queste parole si integrino nei vostri cuori: “Nostra Madre, piena di sapienza, può guidarci attraverso le tenebre”.
    Tanto è nascosto ai vostri occhi. È per questo che avete bisogno di una madre celeste che guidi i vostri passi. Negli eventi che ci attendono, molti di coloro che sono potenti e ricchi non sapranno cosa fare. Ma, i piccoli che io guiderò cammineranno nella luce più grande.
    Tutto ciò che vi chiedo è di camminare nella verità. Nella vostra vita in questo momento vi sono sacche di oscurità, le piccole bugie che permettono di prendere decisioni egoistiche. Siete pronti per la piena luce? Potete camminare nella luce perfetta? Certamente ciò è possibile, perché io vi condurrò. Quando gli eventi cominceranno, sarete guidati da questa nuova luce che vi dò oggi.
    Commento: La Madonna promette la luce e ci chiede di respingere qualsiasi oscurità nella nostra vita.
    13 dicembre 2014
    Maria
    Quando gli eventi avranno luogo, le persone vedranno che le mie parole sono vere. Avranno grande fede e cuori preparati. In questo momento, non avete bisogno di parole speciali. Lo scopo di parlare ora è quello di prepararvi ad avere fede in modo da credere alle mie parole future. In questo momento, la vostra vita continua come al solito e non sono necessarie mie parole speciali, che mi riservo per il tempo dell’oscurità.
    Questi eventi hanno un calendario preciso, perché non vengono da Dio. Sono il risultato del male incorporato nella storia umana e nei cuori umani che possono liberamente scegliere. Se le persone scelgono la preghiera e la penitenza, gli effetti saranno minori e verranno posticipati. Se le persone scelgono obiettivi e peccati egoistici, gli effetti saranno maggiori e verranno prima. Gli eventi riflettono i peccati dell’umanità. Non sarà Dio a causarli.
    Con queste piccoli locuzioni, ho preparato tutti i credenti. Una serie di eventi si verificheranno che cambieranno gran parte della vita umana. Raccontandoli prima del tempo, vi dò la fede in modo tale che, nel bel mezzo degli eventi, potrete credere alle mie parole quotidiane e possa guidarvi. Pace. Sempre la pace. Il Signore è vicino.
    Commento: La Madonna riassume questi insegnamenti e spiega che Dio non causa il male.
    14 dicembre, 2014
    Maria
    Vorrei immergere il mondo in eventi molto diversi. La storia non ha solo una strada, un sentiero che porta solo nelle tenebre. Questa era l’unica strada prima che Gesù venisse. Ora, un nuovo percorso sta davanti all’umanità.
    Purtroppo, quel percorso è stato nascosto e ricoperto. Le persone hanno messo da parte la luce della fede. Essa giace abbandonata sul ciglio della strada. Esse sono state catturate da tutto ciò che è nuovo, tutte le promesse di un mondo costruito sulla scienza.
    Io ho raccolto tutte queste luci abbandonate della fede. Esse non sono perse per sempre. Le ho salvate nel mio Cuore, in attesa del momento in cui le vicende delle tenebre frantumeranno le false illusioni che hanno catturato così tanti.
    Quel momento arriverà. Le grandi illusioni che la scienza può produrre un paradiso sulla terra senza l’aiuto della fede saranno spezzate. Molti si sottometteranno completamente alla disperazione. Altri cercheranno la loro fiaccola della fede perduta. Essi la troveranno al sicuro custodita nel mio Cuore.
    Perché non cercarla ora? Perché aspettare fino a quando i pericoli circonderanno la terra? Questo è ciò che vi spiegherò ora. O lettore, offro a te una nuova fiaccola della fede. La porrò rapidamente nel tuo cuore. Potrai custodirla e non potrai mai più abbandonarla. Aggrappati a questa luce e non potrà mai perderti. Ne avrai bisogno durante l’oscurità.
    Commento: La Madonna ci invita ad un percorso diverso che può essere visto solo con la fiaccola della fede.
    15 dicembre 2014
    Maria
    Voglio svelare ogni segreto nel mio Cuore. Solo in questo modo, il mondo potrà godere di una luce sufficiente per vincere il buio. Inizierò con tutto quello che Dio ha fatto per me.
    Mi sono unita al Figlio di Dio, più che qualsiasi madre con ogni bambino. Questa unione viene dalla natura e dalla grazia. Sono unita per l’amore materno, il più grande amore che qualsiasi madre possa avere per un figlio. Sono anche unita a Gesù dalla mia Immacolata Concezione. Fin dal primo istante della mia esistenza, Gesù mi ha adombrato col suo Santo Spirito. Non un pollice, neppure la larghezza di un capello ci separava. Nessun’altra creatura è così intimamente unita a Gesù. Il Padre ha dato all’umanità di Gesù (che ha ricevuto da me) tutti i poteri divini. Gesù ha condiviso con me ogni donazione possibile. “Userò te come mio strumento”, ha detto Gesù.
    Può il Padre fare questo? Può Egli portare una donna così vicino a sé attraverso l’umanità che lo Spirito ha formato in lei, da renderla il suo strumento per tutte le sue grazie che fa? Chi osa dire che Dio non può farlo, mentre allo stesso tempo mi ha permesso di essere una creatura, infinitamente al di sotto di Lui? Una volta che questo sarà compreso, potrò rivelare tutti i miei segreti.
    Commento: La Madonna pone le basi per grandi rivelazioni interiori.
    16 dicembre 2014
    Maria
    Ci sono due fuochi. Vedete le fiamme dell’inferno che portano l’umanità a guerre e distruzioni. Ancora nascosti sono i miei fuochi del cielo. Il fuoco deve venire combattuto con il fuoco, ma fino ad ora i fuochi del cielo bruciano solo nel mio Cuore. Come desidero riversare questi incendi su tutta la terra.
    Questo fuoco celeste ha tre doni. Che cosa può fare questo fuoco celeste? L’amore è il suo dono più grande e sarà tanto necessario quando gli eventi cominceranno. In quei giorni, le persone devono amarsi l’un l’altra ed avere cura l’una per l’altra. Le persone sperimenteranno gigantesche perdite e avranno bisogno di un sostegno che nessun governo potrà fornire. Solo l’amore dagli altri farà fronte alle loro esigenze.
    Questo fuoco dà anche la luce. Tanto sarà diverso. L’ex saggezza non sarà sufficiente. Saranno necessarie nuove luci, nuove direzioni e nuove iniziative che possono venire solo dal mio fuoco.
    Infine, il mio fuoco proteggerà. Questo è il fatto più importante. Come Satana scatenerà questi eventi, uno per uno, le mura solite che proteggevano la società crolleranno. Satana sarà come un nemico che attacca una città in cui si può entrare facilmente. Io circonderò ogni persona che mi invoca con il mio fuoco di protezione. Anche se le mura crolleranno le terrò al sicuro, individualmente e collettivamente, in privato ed in particolare nel mentre si raduneranno.
    Commento: La Madonna rivela i tre poteri speciali del suo fuoco.