Arquivo do blog

quarta-feira, 23 de setembro de 2020

CONFIDÊNCIAS DE PADRE PIO

 "Sono divorato dall'amore di Dio e dall'amore del prossimo. Dio per me è sempre fisso nella mente e stampato nel cuore . Mai lo perdo di vista: mi tocca ammirarne la sua bellezza, i suoi sorrisi, ed i suoi turbamenti, le sue misericordie, le sue vendette o meglio i rigori della sua giustizia." (Epist. I, 1247)

Gesù è la mia vita: non vivo per me, solo vivo per lui.”

(Epistolario volume 1, pag. 497, Lettera a padre Agostino 30 ottobre 1914)



Non vorrei scendere mai dall'altare. Vorrei celebrare sessanta Messe al giorno"

(Padre Pio a Cleonice  Morcaldi, La mia vita vicino a Padre Pio diario intimo spirituale, Edizioni casa sollievo della sofferenza, quinta edizione, 2013, pag. 283)


 

“Dio può tutto rigettare in noi... ma non può rigettare il desiderio sincero di amarlo”


“Tu dirai a tutti che dopo morto sarò più vivo di prima.

E a tutti quelli che verranno a chiedere, nulla mi costerà dare.

Chi salirà questo monte, nessuno tornerà a mani vuote!”

Padre Pio a Giovanni Bardazzi:  (Giovanni Bardazzi, Un discepolo di Padre Pio, Feeria 2005, p.135)



 “Raccomandati alle anime del purgatorio. Io prego loro: le grazie me le fanno prima dei santi.”

Padre Pio disse  questa frase a suor Vincenza Tremigliozzi che si lamentava perchè pregava e pregava ma i santi non l’ascoltavano 

(P. Marcellino Iasenzaniro, Padre Pio profilo di un Santo II volume Carità e Prove, sostenute nella speranza, Edizioni Padre Pio, San Giovanni Rotondo, 2010, pag. 46)



"La mente può benissimo stare elevata in Dio, mentre col corpo si attende ai lavori materiali."
Padre Pio in una lettera ad Annita Rodote (Epist. III, 106)
 
"Più l'anima combatte, e più si moltiplicano le palme. Ad ogni vittoria corrisponde un grado di gloria eterna."
Padre Pio a Margherita Tresca, Epist. III, 183)
 
"Quanto più crescono gli assalti del nemico tanto più Dio è vicino all'anima."
Lettera di Padre Pio ad Assunta Di Tomaso, Epist. III, pag. 414)


"Che sono tre ore. Ce ne vorrebbero dodici."
A P. Onorato Marcucci che gli faceva notare che 3 ore per prepararsi alla Messa, dalle 2 alle 5 sembravano un pò troppo: “Che sono tre ore. Ce ne vorrebbero dodici per prepararsi a celebrare il santo Sacrificio.” (P. Marcellino Iasenzaniro, Padre Pio profilo di un santo, I Volume; Fede, virtù cristiane, voti religiosi, Edizioni Padre Pio, San Giovanni Rotondo, 2010, pag.151)
"I medici e le medicine fanno effetto solo quando il Padreterno lo vuole."
Una volta Natalino Rappa si lamento' con Padre Pio che non stava bene, e che le cure a cui si sottoponeva non davano alcun effetto. Padre Pio lo ascoltò e poi disse: "Ricordati che i medici e le medicine fanno effetto solo quando il Padreterno lo vuole." (340-1)

"Le coincidenze sono coincidenze. Ma c'è qualcuno lassù che organizza le coincidenze."
Padre Pio a don Peppino Orlando.  (C.Bernard Ruffin, Padre Pio: the true story, 1991, pag. 274)
 
 
"Per conquistare la perfezione bisogna tollerare le proprie imperfezioni."
Padere Pio in una lettera a Fra Emmanuele da San Marco La Catola: "Per conquistare la perfezione, bisogna tollerare le proprie imperfezioni. Dico tollerare con pazienza, e non amarle o accarezzarle." (Epist. IV, 479)


"La Madonna non mi ha mai rifiutato una grazia chiesta recitando il rosario"

 

“Padre Alessio: “Padre, ma perchè recitate sempre il rosario e non altre preghiere?”

 Padre Pio: “Perchè la Madonna non mi ha mai rifiutato una grazia, chiesta attraverso la recita del rosario.”

(P. Marcellino Iasenzaniro, Padre Pio profilo di un santo, I Volume; Fede, virtù cristiane, voti religiosi, Edizioni Padre Pio, San Giovanni Rotondo, 2010, pag.143)