Arquivo do blog

domingo, 21 de fevereiro de 2016

il popolo che costruisce la sua chiesa (e che chiesa!) Un miracolo di arte liturgica: la chiesa della Protezione della Madre di Dio a Jasenevo




Clicca per SCARICARE il documento come PDF file 
 
Lo scorso autunno ho avuto l'opportunità di visitare un progetto di costruzione che è a dir poco un miracolo. Ho visto un gruppo per lo più di volontari e dilettanti, che lavoravano con piccole donazioni, costruire una chiesa che può competere con qualsiasi monumento della storia della cristianità. Il progetto è stato recentemente completato, consacrato da sua Santità il patriarca Kirill il 27 dicembre 2015. Vorrei condividere quello che ho appreso su questa sorprendente chiesa.
Nel 2001, il monastero di Optina ha avviato un progetto per la costruzione di una sua chiesa di rappresentanza a Mosca. Con il passare del tempo, tuttavia, il progetto ha superato questo programma di base. È stato trovato un sito collinare a Jasenevo, un quartiere situato a sud-ovest del centro della città. È il punto più alto nei dintorni di Mosca, e molti hanno ritenuto che questa terra fosse provvidenzialmente destinata accogliere una grande chiesa.
la chiesa appena consacrata che domina su Mosca
L'archimandrita Melkhisedek (Artjukhin), dotato di immense capacità, è stato nominato a dirigere il progetto di costruzione. Ci sono voluti sette anni per acquistare il terreno e ottenere da parte del governo le autorizzazioni necessarie per la costruzione sul posto. Nel frattempo, si è deciso di assegnare alla chiesa il titolo della Protezione della Madre di Dio, perché la Chiesa, che domina tutta la capitale, vuole rappresenterebbe la protezione della Santa Vergine su Mosca. Il progetto si è esteso in modo naturale al tema correlato di un monumento ai caduti, per commemorare la protezione militare della capitale, e sono stati fatti piani per circondare la fondazione con grandi croci di pietra che commemorano le numerose battaglie nel corso della storia, in cui la città è stata minacciata e preservata. Le forze armate della Russia sono state commosse da questo gesto, e molti contributi sono giunti da singoli soldati.
croce memoriale dell'invasione napoleonica
Un terzo programma è emerso quando l'archimandrita Melkhisidek ha notato che gli archi disegnati dall'architetto nella cripta ricordavano da vicino la Grotta della Natività a Betlemme. Ha avuto quindi l'idea di ricreare questo sito sacro nella cripta della sua chiesa, e con il tempo anche quest'idea è cresciuta. Alla fine, hanno costruito repliche in scala di tutti i grandi luoghi di pellegrinaggio della Terra Santa sotto la chiesa di Jasenevo – un meta in miniatura di pellegrinaggio, nella stessa tradizione del monastero di Nuova Gerusalemme costruito fuori Mosca nel XVII secolo. Queste repliche sono notevoli esempi di scultura, e copiano anche le crepe e le scalfitture nelle lastre di pietra originali.
la replica della Grotta della Natività, nella cripta
Ma il più sorprendente in assoluto è stato il progetto di decorazione dell'interno della chiesa principale. La chiesa è adornata nello stile delle cattedrali siciliane del XII secolo – senza dubbio lo stile più sontuoso e raffinato che sia mai emerso nel mondo di influenza bizantina. Praticamente l'intera iconografia interna della chiesa a Jasenevo è fatta a mosaico di vetro scintillante e oro. Esistono appena una manciata di chiese decorate come questa in tutta la storia, e questa chiesa è al quinto posto tra di loro come estensione di mosaici. Le pareti inferiori della chiesa sono rivestite in marmo bianco e il pavimento è rifinito in splendido marmo cosmatesco interlacciato con mosaico. La chiesa è illuminata da un grande choros in ottone e da una costellazione di lampadari scintillanti. L'iconostasi in marmo reca icone simili a gioielli con una potente serietà romanica. Si tratta di una visione di splendore medievale di cui non si è mai visto l'uguale in Russia, e solo raramente in tutto il mondo.
il rivestimento in marmo bianco in stile normanno-siciliano
il Pantocratore dell'abside a mosaico, modellata su quella della Cappella Palatina di Palermo
lo splendido pavimento in marmo e l'iconostasi
Il vero miracolo della chiesa di Jasenevo, però, non risiede nella sua ricchezza, ma nella sua povertà. Sorprendentemente, questa chiesa, costruita in soli sette anni, non ha avuto grandi donatori individuali. Non ci sono stati grandi oligarchi o ricche istituzioni a pagare i conti. Piuttosto, il denaro è venuto sotto forma di piccole donazioni da persone comuni e da organizzazioni pie – 80.000 donatori in totale.
Allo stesso modo, il sorprendente lavoro a mosaico non è stato opera di uno studio professionale, ma di studenti e dilettanti, tutti volontari. Un iconografo professionista è stato ingaggiato per disegnare il grande Pantocratore, ma oltre a questo, l'opera è stata progettata da studenti d'arte altamente capaci. Non hanno potuto permettersi di comprare tessere italiane per le vaste aree d'oro, così hanno chiesto donazioni di gioielli d'oro provenienti da tutta la Russia, e hanno sviluppato la propria tecnica per depositare l'oro su frammenti di piastrelle di ceramica. Il laboratorio di mosaico è stato gestito da una maestra in pensione che ha insegnato a chiunque fosse presente. Il giorno in cui ho fatto visita, mi ha presentato al suo team di quel giorno – un parrucchiere, uno studente di economia, un architetto, tutti lì nel loro giorno di riposo dal lavoro per venire a posare tessere, a lavorare come maestri qualificati. In totale ci sono stati almeno 225 di questi mosaicisti volontari, alcuni dei quali sono arrivati senza alcuna capacità, ma solo con un sogno da tutta la vita di fare un'icona, e hanno finito per creare opere di incredibile bellezza.
i mosaicisti al lavoro
La mia guida, Elena, ha spiegato che quasi tutto è stato costruito in questo modo – le fondamenta, il lavoro di marmo, le decorazioni inaspettate e affascinanti che si vedevano praticamente ovunque. Ho trovato che il cantiere dava il senso di una liturgia – i lavoratori potevano sentire il loro ruolo sacerdotale in questo lavoro. Tutte le persone coinvolte nel progetto hanno riconosciuto che stava avvenendo un miracolo – che Dio aveva ordinato che questo progetto fosse diverso da qualsiasi altro – che questa chiesa fosse costruita solo con l'amore, e che mettesse in ombra tutte le altre.

 
la cripta dei pellegrinaggi
il choros di ferro al centro della cripta
una replica della Tomba di Cristo, dalla chiesa del Santo Sepolcro
una replica della Tomba della Madre di Dio
una replica della colonna crepata nel miracolo del Fuoco Santo nel 1579
nello studio dei mosaici
l'iconostasi in costruzione
la posa del pavimento nel santuario

dettaglio di un affresco che raffigura la creazione, sulla galleria superiore del muro occidentale
l'esterno, che mostra gli estesi giardini a terrazze
croce che commemora la Grande Guerra Patriottica. Il ciclo delle croci memoriali di guerra attorno alle fondamenta include ancora una croce dopo questa, il cui posto è attualmente vuoto. Che Dio conceda che rimanga così.