Arquivo do blog



    sexta-feira, 6 de janeiro de 2017

    Quale corpo il Signore mi darà dopo la morte - DIVO BARSOTTI

    divo barsotti 
    Il «testamento» del fondatore della Comunità dei figli di Dio, scomparso ieri mattina,
    riflette sul destino ultimo dell’uomo.
    RITAGLI  «Quale corpo il Signore mi darà?»  DOCUMENTI
    «Sembra che solo andando verso la morte l’uomo viva.
    A vent’anni siamo portati via dagli istinti,
    le ambizioni, le vanità, gli egoismi, la sensualità.
    L’uomo incomincia a vivere invecchiando».
    «Morire significa deporre un corpo che non è fatto per l’immortalità.
    E dunque la morte non è un male,
    perché libera da uno strumento che è inetto a una vita pienamente umana
    e veramente spirituale».
    La risurrezione suppone la morte, il trionfo del Cristo il giudizio. Sono verità di fede elementari, e pur tuttavia, proprio perché sono elementari, non sono solo importanti ma fondamentali anch'esse per la nostra vita spirituale. È sempre il Mistero del Cristo: morte e risurrezione; e non vi è un elemento senza l'altro. La morte da sola non sarebbe mai, né potrebbe essere mai un argomento di meditazione per il cristiano, perché la morte è soltanto condizione alla risurrezione gloriosa; d'altra parte la risurrezione è impensabile senza la morte. I due elementi si richiamano l'un l'altro cosicché non possiamo meditare l'uno senza l'altro. È vero però che possiamo separarli, non per mantenerli divisi, ma perché la nostra meditazione abbia una maggiore ampiezza, infatti potrebbe essere soltanto un poco di curiosità teologica il meditare sul giudizio finale o sulla fine del mondo, mentre su tutti noi incombe la morte.
    Tra poco noi moriremo. Che vuol dire morire? Che cos'è la morte? La prima considerazione da farsi sembra questa: l'uomo è un essere estremamente paradossale. Per il fatto che siamo in un corpo, indipendentemente dal peccato, sembra non potersi evitare la morte. Quel che è fisico, quello che è biologico non può durare eternamente, consuma. D'altra parte sarebbe non solo impensabile ma del tutto miracoloso (è un miracolo che non ha nessuna giustificazione e che a lungo andare andrebbe precisamente contro gli stessi voleri di Dio) che questo corpo vivente non conoscesse la dissoluzione. Sarebbero innumerevoli miracoli quelli che Dio dovrebbe fare perché questo essere che abbiamo, il corpo, dovesse mantenersi vivo senza fine. Non vi è esempio di questo nella natura: nemmeno le montagne rimangono ferme, nemmeno il sole e gli astri sono eterni. Una forza unica travaglia tutto l'universo fisico in mutamenti continui, in rivolgimenti inevitabili. È proprio il cambiamento stesso che assicura la permanenza. Non vi è nulla di permanente quaggiù se non il movimento.Quale corpo il Signore mi darà dopo la morte - DIVO BARSOTTI