Don Divo Barsotti

Arquivo do blog

quarta-feira, 14 de abril de 2010

Con un intervista e un libro anche don Georg difende Benedetto XVI

 Non è senza fatica che il Vaticano cerca di rispondere alle accuse di insabbiamento che diversi media rivolgono al Papa per i casi di abusi su minori che coinvolgono preti. Ieri a provocare ulteriori polemiche soprattutto nel mondo gay è stata un’uscita del cardinale Tarcisio Bertone che dal Cile ha detto che “per molti sociologi e psichiatri c’è una relazione tra omosessualità e pedofilia”. Un tema scivoloso tanto che già il Papa, volando verso gli Stati Uniti il 15 aprile del 2008 e rispondendo a una domanda sulla pedofilia nel clero, l’aveva eluso: “Non voglio parlare dell’omosessualità. Questo è un altro discorso”, aveva detto. Non è facile difendere il Papa per il Vaticano. Ogni giorno c’è il rischio di nuove polemiche. Ieri, però, in sua difesa si è registrato un intervento importante. Per la prima volta in modo ufficiale, è sceso in campo il suo segretario particolare, il tedesco monsignor Georg Gänswein. L’ha fatto in due modi. Con una lunga intervista concessa a Bild, il giornale tedesco schierato quotidianamente in difesa del Papa. E con l’uscita di un libro promosso ancora da Bild insieme alla Libreria Editrice Vaticana sul quale è proprio Gänswein a curare la pubblicazione di oltre 200 immagini inerenti i primi cinque anni di pontificato di Ratzinger: “Benedetto XVI Urbi et Orbi” è il titolo del volume. Gänswein è un segretario riservato, meno influente nell’esercizio del potere della chiesa di quanto non fosse il segretario di Karol Wojtyla, monsignor Stanislaw Dziwisz. Ma oggi il fuoco delle polemiche contro il Papa è elevato ed è anche per questo motivo che Gänswein ha accettato di farsi intervistare e di curare il libro.
A Bild Gänswein ha detto una cosa chiara: “Nessuno ha mai condannato con tanta forza gli abusi come il Santo Padre e la chiesa cattolica”. Secondo Gänswein fa bene il Papa a rispondere col silenzio alle molteplici accuse: “Le critiche costruttive – ha detto – sono sempre giuste. Ma non credo che in questo caso le critiche abbiano avuto questo scopo”. Anche perché è “inutile e insensato” che il Papa commenti “personalmente” ogni caso di abusi sessuali, poiché questo rientra nelle responsabilità dei vescovi.
Il libro curato da Gänswein è importante perché svela il vero volto del Papa tedesco. A leggere le didascalie delle foto è un’immagine di Ratzinger diversa da quella che più media dipingono oggi. Nessuno come Gänswein conosce i segreti del pontificato ratzingeriano. Un pontificato, scrive Gänswein, con caratteristiche precise: “Il suo messaggio è tanto semplice quanto profondo. La fede non è un problema da risolvere, è un dono che va scoperto nuovamente. La fede dona gioia e pienezza. La fede ha un volto umano: Gesù Cristo. E anche se tutte le telecamere sono puntate sul Papa, non si tratta di lui. Il Santo Padre non mette al centro se stesso, non annuncia se stesso, ma Gesù Cristo”.
Don Georg scorre i cinque anni di pontificato senza eludere nulla. Non tace, ad esempio, delle polemiche che nel viaggio in Germania suscitò la lectio tenuta a Ratisbona: “Un passo del discorso sul profeta Maometto estrapolato dal contesto – scrive – in seguito causerà reazioni dure”. Così circa la campagna mediatica che prese avvio dalle frasi sull’Aids dette dal Papa nell’aereo che lo portava in Camerun: Georg risponde riportando integralmente il ragionamento di Ratzinger così come era stato espresso nella conversazione con i giornalisti durante il volo. E commenta: “Al Papa sta a cuore che oggi, più che in passato, gli africani abbiano la possibilità di disporre del loro destino”.
Pubblicato sul Foglio mercoledì 14 aprile 2010

fonte:palazzo apostolico