http://4.bp.blogspot.com/_14vrv7ni7HM/TLYyK0PS85I/AAAAAAAABU8/h4xBT0R8kQU/s1600/20101013225550_D0064009.jpg

 

CONSERVAR O DEPÓSITO DA FÉ

 [ EN  - ES  - FR  - IT  - LA  - PT ]

CARTA ENCÍCLICA
PASCENDI DOMINICI GREGIS
DO SUMO PONTÍFICE
PIO XAOS PATRIARCAS, PRIMAZES,
ARCEBISPOS, BISPOS
E OUTROS ORDINÁRIOS EM PAZ
E COMUNHÃO COM A SÉ APOSTÓLICA
SOBRE
AS DOUTRINAS MODERNISTAS

Veneráveis Irmãos,
saúde e bênção apostólica
INTRODUÇÃO
A missão, que nos foi divinamente confiada, de apascentar o rebanho do Senhor, entre os principais deveres impostos por Cristo, conta o de guardar com todo o desvelo o depósito da fé transmitida aos Santos, repudiando as profanas novidades de palavras e as oposições de uma ciência enganadora. E, na verdade, esta providência do Supremo Pastor foi em todo o tempo necessária à Igreja Católica; porquanto, devido ao inimigo do gênero humano nunca faltaram homens de perverso dizer (At 20,30), vaníloquos e sedutores (Tit 1,10), que caídos eles em erro arrastam os mais ao erro (2 Tim 3,13). Contudo, há mister confessar que nestes últimos tempos cresceu sobremaneira o número dos inimigos da Cruz de Cristo, os quais, com artifícios de todo ardilosos, se esforçam por baldar a virtude vivificante da Igreja e solapar pelos alicerces, se dado lhes fosse, o mesmo reino de Jesus Cristo. Por isto já não Nos é lícito calar para não parecer faltarmos ao Nosso santíssimo dever, e para que se Nos não acuse de descuido de nossa obrigação, a benignidade de que, na esperança de melhores disposições, até agora usamos.
E o que exige que sem demora falemos, é antes de tudo que os fautores do êrro já não devem ser procurados entre inimigos declarados; mas, o que é muito para sentir e recear, se ocultam no próprio seio da Igreja, tornando-se destarte tanto mais nocivos quanto menos percebidos.  LER...
 [ EN  - ES  - FR  - IT  - LA  - PT ]

CARTA ENCÍCLICA
PASCENDI DOMINICI GREGIS
DO SUMO PONTÍFICE
PIO XAOS PATRIARCAS, PRIMAZES,
ARCEBISPOS, BISPOS
E OUTROS ORDINÁRIOS EM PAZ
E COMUNHÃO COM A SÉ APOSTÓLICA
SOBRE
AS DOUTRINAS MODERNISTAS

Veneráveis Irmãos,
saúde e bênção apostólica
INTRODUÇÃO
A missão, que nos foi divinamente confiada, de apascentar o rebanho do Senhor, entre os principais deveres impostos por Cristo, conta o de guardar com todo o desvelo o depósito da fé transmitida aos Santos, repudiando as profanas novidades de palavras e as oposições de uma ciência enganadora. E, na verdade, esta providência do Supremo Pastor foi em todo o tempo necessária à Igreja Católica; porquanto, devido ao inimigo do gênero humano nunca faltaram homens de perverso dizer (At 20,30), vaníloquos e sedutores (Tit 1,10), que caídos eles em erro arrastam os mais ao erro (2 Tim 3,13). Contudo, há mister confessar que nestes últimos tempos cresceu sobremaneira o número dos inimigos da Cruz de Cristo, os quais, com artifícios de todo ardilosos, se esforçam por baldar a virtude vivificante da Igreja e solapar pelos alicerces, se dado lhes fosse, o mesmo reino de Jesus Cristo. Por isto já não Nos é lícito calar para não parecer faltarmos ao Nosso santíssimo dever, e para que se Nos não acuse de descuido de nossa obrigação, a benignidade de que, na esperança de melhores disposições, até agora usamos.
E o que exige que sem demora falemos, é antes de tudo que os fautores do êrro já não devem ser procurados entre inimigos declarados; mas, o que é muito para sentir e recear, se ocultam no próprio seio da Igreja, tornando-se destarte tanto mais nocivos quanto menos percebidos.  LER...

Arquivo do blog

sexta-feira, 6 de setembro de 2013

Monsignor Esseff: Nostro Signore e la Madonna hanno cominciato a parlare di nuovo dei disordini in Medio Oriente. Credo che queste parole debbano essere pubblicate immediatamente.


23 agosto 2013
Introduzione
Nostro Signore e la Madonna hanno cominciato a parlare di nuovo dei disordini in Medio Oriente. Credo che queste parole debbano essere pubblicate immediatamente.
Monsignor Esseff
Gesù
Devo parlare in modo chiaro e rapido. La situazione è più che urgente. I fuochi della Siria divamperanno all’esterno. Non possono più essere contenuti. Il leader è troppo determinato. Egli non si arrenderà mai o non accetterà alcun compromesso, anche se egli è circondato dai suoi nemici. Inoltre, egli ha a disposizione grandi armi che ha sia accumulato, sia riceve costantemente dall’esterno. In terzo luogo, la sua opposizione non è una forza unita. Essi provengono da diversi gruppi con obiettivi molto diversi. I loro cuori non sono uniti, né tutti cercano la stessa soluzione.
La leadership siriana resta al potere anche se molti pensavano che sarebbe crollata come gli altri leader. Ha approfondito le sue fondamenta e attratto intorno ad essa coloro che saranno fedeli, anche se solo per paura della loro stessa vita. Questa è la situazione oggi. Che cosa porterà il domani? È per questo che parlo.
Molti vedono la Siria come una minaccia contenuta. Essi lamentano che non vi era alcuna concertazione presa all’inizio. Tuttavia, io non sto parlando del passato. È il futuro che detiene il maggior fuoco. La distruzione in Siria strariperà ed inizierà ad andare oltre i suoi confini. I fuochi si nutriranno di altre terre ed altri popoli. Anche in questo caso, a causa della confusione tra i leader mondiali, diventerà troppo tardi per reagire. Più persone saranno sacrificate a questo male demoniaco.
Anche questa fase non sarà la fine, ma solo una preparazione per la distruzione in quella zona che nessuno può immaginare. Questa nuova distruzione non arriverà subito, ma inevitabilmente accadrà.
Il presidente Obama è sia confuso che criticato. Questo è pericoloso. Se agisce precipitosamente per superare le critiche, egli causerà il verificarsi di una maggiore distruzione.
26 agosto 2013
Gesù
Cosa posso dire circa la Siria? Gli eventi sono iniziati e porteranno ad altri eventi più distruttivi e, quindi, ad ancora più distruzione. La miccia è stata accesa ed è ora sta bruciando. La Siria non è il luogo della grande esplosione futura o della più grande distruzione, ma la Siria è il precursore di questi eventi. La Siria, anche con tutte le sue turbolenze, non possiede le grandi armi od i poteri distruttivi posseduti da altre nazioni.
Tuttavia, il suo ruolo di precursore dovrebbe avvisare tutti che il tempo prima che la distruzione sia su vasta scala è molto breve - molto più vicino di quanto ci si aspetta. Altri leader vedono che la Siria è sopravvissuta utilizzando armi che tutto il mondo ha vietato. In questo senso, egli è il precursore di eventi successivi.
Israele sa che non è solo e non può fermamente contare su nessuno. Esso conosce anche il precario stato della propria sopravvivenza. Esso deve tracciare il proprio corso e le proprie azioni. Non può aspettare o trattenersi. Sa che subirà attacchi e guarda solo come ridurre al minimo la distruzione.
America, oh America, avresti dovuto essere la fonte della pace nel mondo, ma sei stata così indebolita. Ti sei smarrita. Tu non hai né la forza né la volontà di svolgere i compiti che avevo in serbo per te.
27 agosto 2013
Maria
Tengo Israele al centro del mio cuore. Sono nata in Israele ed i grandi eventi della redenzione del mondo si sono svolti lì.
L’anello di protezione attorno a Israele viene strappato via e sostituito da nemici. La più importante protezione di Israele è la Giordania. Voglio che preghiate per la stabilità della Giordania. Quanto più a lungo la Giordania resta stabile, quanto più sicuro è Israele e quanto più il calendario demoniaco è respinto indietro.
Se la Giordania resta stabile, Israele sarà in grado di pianificare la propria difesa, perché tutto non crollerà improvvisamente, senza lasciare il tempo per l’auto-difesa. Il confine della Giordania con Israele è molto importante. Se la Giordania crolla e cade sotto il controllo terrorista, allora il confine di Israele può essere facilmente perforato. Gli attacchi dal Libano e dalla Striscia di Gaza non avrebbero mai il potere che un attacco dal territorio giordano avrebbe. La Giordania è la chiave per la sopravvivenza di Israele.
2 settembre 2013
Gesù
La Siria destabilizzerà il Medio Oriente, ma non sarà il punto focale della seconda fase di distruzione. Fino ad ora, con le rivolte civili, la distruzione è stata interna a ciascuna nazione.
Il secondo passo è la guerra tra le nazioni. In questa guerra, altri paesi saranno inevitabilmente attratti dentro. Anche se apparentemente piccolo, nessun potere sarà presente per evitare questo conflitto.
La terza fase è l’annientamento di alcune nazioni come profetizzato a Fatima. Questo avrà orribili conseguenze inimmaginabili per il mondo intero, che non sarà più lo stesso.
Per 2000 anni, Satana ha pianificato questo annientamento come il suo modo di reclamare indietro il mondo che Io ho riscattato col mio Sangue. Io non voglio questo annientamento. È per questo che mia madre ha parlato così spesso e per questo ora sto parlando in modo così chiaro. Al mondo deve essere detto che l’annientamento delle nazioni non è lontano. Se la Chiesa non vuole rivelare le verità contenute nel segreto di Fatima, quindi userò questa piccola voce per farlo.
4 settembre 2013
Gesù
I fuochi della Siria contengono un male inimmaginabili che può facilmente erompere per causare una maggiore distruzione. Ciò racchiuderà il Medio Oriente ed oltre.
Il presidente Obama ha messo il dito sul grilletto e si appresta a lanciare missili in questo fuoco. Non si rende conto del danno incalcolabile, la grande perdita di vite umane e la rappresaglia che attende una tale azione.
Come è arrivato a questa stolta posizione? Satana lo ha portato a questo punto. Se lui farà questo passo, getterà l’America in un fuoco che non sarà estinto. Che terribile, terribile errore.
Il Santo Padre ha preso la rotta corretta, chiedendo la preghiera e il digiuno. Da questo arriverà un’ondata di pace che sorprenderà molti. Nei prossimi giorni, la guerra e la pace si scontreranno. Pregate e digiunate per la pace.