Don Divo Barsotti

Arquivo do blog

segunda-feira, 13 de fevereiro de 2012

DON FERNANDO RIFAN: A FALTA DE ESPIRITUALIDADE LEVA A ABUSOS LTÚRGICOS . BELLISSIMI LIBRETTI per tutti - scritti da Don G. TOMASELLI sacerdote salesiano (1902-1989)

Publicar mensagem


El obispo de una comunidad brasileña que celebra la misa antigua (forma litúrgica extraordinaria del Rito Romano, denominada tridentina o de San Pío V) considera que los abusos en la liturgia se deben a la «falta de una seria espiritualidad».

«La Santa Misa atrae por sí, por su sacralidad y su misterio», afirma monseñor Fernando Arêas Rifan, administrador apostólico de la Administración Apostólica Personal San Juan María Vianney.

En esta entrevista concedida a Zenit, el obispo habla, entre otras cosas, de la belleza y de la riqueza de la Misa antigua, cuya facultad de celebrar ha sido extendida por Benedicto XVI a toda la Iglesia con el motu proprio «Summorum Pontificum» del 7 de julio de 2007.

La Administración Apostólica Personal de San Juan María Vianney es una circunscripción eclesiástica equiparada por el derecho a las diócesis e inmediatamente sujeta a la Santa Sede, según el canon 368 y el decreto «Animarum Bonum».

Su fundador fue el obispo Licínio Rangel, quien fue consagrado por tres obispos ordenados ilícitamente por el obispo fallecido Marcel Lefebvre, fundador de la Fraternidad de San Pío X. El carácter cismático de la ordenación rompió la comunión plena con Roma.

Su regreso al seno de la Iglesia católica tuvo lugar el 18 de enero de 2002, en una ceremonia solemne presidida por el representante de Juan Pablo II, el cardenal Darío Castrillón Hoyos, prefecto de la Congregación vaticana para el Clero.LER...

BELLISSIMI LIBRETTI per tutti - scritti da Don G. TOMASELLI sacerdote salesiano (1902-1989)

 
 
Don Giuseppe Tomaselli
 BELLISSIMI LIBRETTI per tutti - scritti da Don G. TOMASELLI sacerdote salesiano (1902-1989)
(in via di completamento)
Abbasso i preti Il giglio di Mondonio La Santa Messa Santa Caterina da Siena
Affidiamoci a Maria Il grande incontro La vera ricchezza Santa Geltrude
Anime ostie Il meraviglioso in una (..) La vergine di Catania Santa Gemma Galgani
Ci sono ancora miracoli? Il mistero della Trinità La verginità nel mondo Santa Lucia
Combattimento spirituale Il mondo di oggi sotto (..) La via del cielo * Santa Rita
Con Dio e senza Dio Il nazareno, maestro (..) Le superstizioni Satana nel mondo
Conforto all'anima Il paradiso Lo Spirito Santo Secondo mess. di P. Pio
Dalle tenebre alla luce Il pianto della Vergine Luce ai preti Sedici ore sante
Dio con noi Il Sacro Cuore Luce alla suora * Sitio
Dio e le miserie umane Il vero amore Luce celeste Sotto il cielo di Roma
Domeniche santificate Importanza della parola Luce evangelica Storia Madonna Lacrime
Don Domenico Ercolini Intervista con Melid Maria Regina e Madre (..) Storia di un frate
Gesù e Satana Istruzioni per signorine Meditazioni per signorine S.U.O.R.A.
Gesù mio, chi se tu (..) L'anima onesta (..) Messaggio di Padre Pio Suora, amami (..)
Gli angeli ribelli L'aurora del Cristo Moda femminile Suora, ascolta!
Gli angeli L'inferno c'è Ora Santa per la pace Suora, leggi e rifletti
Guida spirituale L'ora presente Pace nei riflessi di Dio Televisione
I doni di Dio L'Ostia consacrata Pagine d'oro Trattenimento Eucaristico
I due medici santi L'umanità qui fu redenta Parole di cielo Tre piaghe cancrenose
I falsificatori della Bibbia * La confessione Peccato veniale Trentatrè perchè
I morti risorgeranno Lacrimazione prodigiosa* Perchè credo Un prete straordinario
I nostri morti (..) La Croce di Gesù Perla e fango * Vade Mecum
I peccati di lingua La fede Piccole Ostie riparatrici * Vera devozione a Maria
I 15 venerdì La grande bestia (..) Prescelto non castigato  Vergine della Rivelazione
I sacramenti La Madonna della lettera Sacerdote leggi Verginità di S.Giuseppe
I vizi capitali La Madonna piange (..) San Giuseppe Vita angelica sulla terra
Il comandamento (..) La preghiera ci santifica San Michele Arcangelo Volontà di Dio
Il Cristo così ci amò * La santa delle famiglie Santa Brigida 15 sabati della Madonna
http://www.preghiereperlafamiglia.it/don-giuseppe-tomaselli.htm

Ven. P. D. Giuseppe Tomaselli, Sacerdote Salesiano Esorcista, Mistico nato a Biancavilla e morto a Messina in Concetto di Santità la notte tra l'8 e il 9 maggio 1989.

  Un esorcismo raccontato da Don Giuseppe Tomasellileggere...
Tomaselli (1902 - 1989)
Don Giuseppe Tomaselli

PAROLE DI CIELO
D. G. TOMASELLI
INTRODUZIONE
Il libro « Storia di un'anima », tanto gra­zioso ed attraente, eccita all'amore di Dio e presenta la vita spirituale come il più gran­de ideale; insegna piccoli mezzi, ma assai efficaci, per giungere ad un alto grado di perfezione e dimostra come sia possibile, anzi facile, il battere la « piccola via », che comunemente è chiamata « La via dell'in­fanzia spirituale ».
Santa Teresa del Bambino Gesù con la sua Autobiografia ha dato un largo contri­buto all'ascetica moderna. Molte sono oggi le anime, anzi immense le schiere, che si sforzano d'imitare la Santa delle Rose e sen­za tanti atti di eroismo, senza scervellarsi su grossi volumi di mistica, serenamente e con semplicità vivono la vera vita dello spirito. Si presenta un colloquio ideale, tra Santa Teresa ed un'anima desiderosa d'imitarla. Gl'insegnamenti sono presi per intiero da « Storia di un'anima » e dagli altri scritti della Santa. Chi vorrà approfondire questo scritto, troverà la pace del cuore e potrà di­re: Anch'io faccio parte della Legione Spi­rituale di Santa Teresina! -LEGGERE...

Recitiamo questa breve Coroncina in riparazione il più spesso possibile e l Signore ci riempirà di Grazie... è del Ven. P. D. Giuseppe Tomaselli, Sacerdote Salesiano Esorcista, Mistico nato a Biancavilla e morto a Messina in Concetto di Santità la notte tra l'8 e il 9 maggio 1989.

Ven. p. Giuseppe Tomaselli, Sacerdote Esorcista.


si recita con la comune corona del Rosario.

Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

sui grani grandi al posto del Gloria:

Diamo Gloria, omaggio, onore a Gesù il Redentore:
alla Vergine Maria, agli Angeli e ai Santi Lode sia!

sui grani piccoli al posto dell'Ave:

Signore Vi Benedico per quelli che Vi maledicono!
O Vergine Immacolata siate sempre Benedetta!

alla fine: Santo, Santo, Santo, il Signore Dio delle Celesti Milizie! (x 3)

Dio sia Benedetto!
Benedetto il Suo Santo Nome!
Benedetto Gesù Cristo vero Dio e vero Uomo!
Benedetto il Nome di Gesù!
Benedetto il Suo Sacratissimo Cuore!
Benedetto il Suo Preziosissimo Sangue!
Benedetto Gesù nel Santissimo Sacramento dell'Altare!
Benedetto lo Spirito Santo Paraclito!
Benedetta la Gran Madre di Dio Maria Santissima!
Benedetta la Sua Santa e Immacolata Concezione!
Benedetta la Sua Gloriosa Assunzione!
Benedetto il Nome di Maria Vergine e Madre!
Benedetto San Giuseppe Suo Castissimo Sposo!
Benedetto Iddio nei Suoi Angeli e nei Suoi Santi!

Sia lodato e ringraziato ogni momento il Santissimo e Divinissimo Sacramento! (x 3)
Dolce Cuor del mio Gesù, Fate che io V'ami sempre di più!
Dolce Cuore di Maria, Siate la salvezza dell'Anima mia!
Dolce Cuor di San Giuseppe, sempre a Voi mi affiderò non lasciatemi in abbandono finchè in Gloria giungerò!

Sia sempre Benedetto e ringraziato:
Gesù che col Suo Sangue ci ha Salvato! (x 3)

Nel Nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.
Per Mariam ad Jesum!
In Nomine Jesu

STORIA DELLA MADONNA DELLE LACRIME (Siracusa)

Don G. TOMASELLI

INTRODUZIONE

Certi fatti meritano di essere cono­sciuti nei particolari e conviene traman­darli ai posteri con esattezza.
Quanto sta avvenendo nella città di Siracusa a motivo dell'« Immagine Pro­digiosa », giornalmente viene messo a conoscenza del mondo, per mezzo della stampa. Credo però far cosa gradita al lettore col presentare una narrazione completa e, per quanto è possibile, esat­ta del fenomeno della « Lacrimazione » e delle guarigioni, avendo avuto la pos­sibilità di parlare con i protagonisti dei prodigi.
La Madonnina delle Lacrime, ai cui piedi ho chiesto la benedizione su questo lavoro, gradisca i miei modesti sforzi e l'umile omaggio d'un figlio devoto.LEGGERE...

SUORA, ASCOLTA!
Don Giuseppe Tomaselli
PARTE PRIMA
L'ANIMA CRISTIANA
RIFLETTERE.
La riflessione è il mezzo indispensabi­le perchè ognuna possa essere padrona di sè. Se una Religiosa preferisce la co­modità alla mortificazione, è perchè non riflette.
Dio è sole di misericordia, che di pre­ferenza riversa la sua luce nell'anima della persona consacrata. Se all'azione illuminante del sole si pone un ostacolo, che le impedisce di estendere il suo rag­gio benefico, qualunque oggetto rimane nel buio; cosi la mancanza di riflessione è un grande ostacolo, che intercetta il divino raggio di luce.
La Suora che si sottrae all'influsso dell'Eterna Luce, resta avvolta dalle tenebre spirituali, perde il suo fervore e si attacca a ciò che seduce, al momentaneo piacere. L'unica salvezza è l'umile rifles­sione, accompagnata dalla preghiera.
Rifletti, o Religiosa! Quanti problemi avrai approfondito nella tua vita! Ma hai cercato di approfondire quello dello spirito cristiano? Vivere da Cristiana si­gnifica vivere in opposizione allo spirito del mondo. I mondani battono la via dei piaceri terreni, mentre l'anima cristiana deve seguire il Cristo sofferente.LEGGERE...

SACERDOTE, LEGGI!

(Appunti di Mistica)LEGGERE...


PACE NEI RIFLESSI DI DIO
DON G. TOMASELLI PACE
 
INTRODUZIONE
Ciò che un tempo non si sognava, oggi è realtà: un viaggio alla luna. Utilizzando i risultati che la scienza da secoli ha ottenuti nel campo fisico e mec­canica, con una precisione degna d'enco­mio, si parte dalla terra, si attraversano gli immensi spazi e si giunge alla luna. Il veicolo lunare deve percorrere trecen­tottanta mila chilometri.LEGGERE...

MODA FEMMINILE
Di Don Giuseppe Tomaseli
Ascolta e rifletti

O donna, da' uno sguardo a me, flagellato a sangue e coronato di spine! Contempla le mie lividure e le piaghe! ... Poi ascolta e rifletti!
Nella vita terrena mi dimostrai mansueto agnello. Andai al Calvario senza aprire bocca.
Trattai con dolcezza la Samaritana e la convertii. Toccai il cuore alla peccatrice di Magdala e ne feci una prediletta.
Lungo le vie di Palestina dalla mia bocca uscivano parole di luce, di pace e di amore. I miei insegnamenti erano dolci come il favo di miele.
Però un giorno, dando uno sguardo divino a tutti i secoli, alla vista del male dilagante nel mondo, pronunziai parole di fuoco:
Guai al mondo per gli scandali!... LEGGERE...

SAN GIUSEPPE
Di DON GIUSEPPE TOMASELLI
INTRODUZIONE

Il 26 Gennaio 1918, compiendo il sedi­cesimo anno d'età, mi recai alla Chiesa Parrocchiale. Il Tempio era deserto. En­trai nel Battistero e lì m'inginocchiai presso il Fonte Battesimale.
Pregai e meditai: In questo luogo, se­dici anni or sono, fui battezzato e rige­nerato alla grazia di Dio. Fui messo al­lora sotto la protezione di San Giuseppe. In quel giorno, fui scritto nel libro dei vi­vi; un altro giorno sarò scritto in quello dei morti. -
Sono ormai passati tanti anni da quel giorno. La giovinezza e la virilità sono trascorse nell'esercizio diretto del Mini­stero Sacerdotale. Quest'ultimo periodo della vita l'ho destinato all'apostolato della stampa. Ho potuto mettere in cir­colazione un discreto numero di libretti religiosi, ma mi sono accorto di una la­cuna: a S. Giuseppe, di cui porto il no­me, non ho dedicato alcuno scritto. E' doveroso scrivere qualche cosa in suo onore, per ringraziarlo dell'assistenza da­tami sin dalla nascita e per ottenere la sua assistenza nell'ora della morte.
Non intendo narrare la vita di San Giuseppe, bensì fare pie riflessioni per santificare il mese che precede la sua festa.LEGGERE...

LUCE DELESTE
Don Giuseppe Tomaselli
LUCE SULLA VITALEGGERE...


L’OSTIA CONSACRATA
(PRODIGI EUCARISTICI)
Di Don Giuseppe Tomaselli
INTRODUZIONE
L'Eucaristia, Gesù Sacramentato, è la colonna della nostra Religione; è il sole, attorno al quale stanno gli astri delle ve­rità rivelate da Dio. Poiché in questi tempi va affievolen­dosi la fede, è necessario riscuoterla in tutti i modi. Il presente lavoro ha lo scopo di confermare nella fede eucaristi­ca i credenti e di dare luce ai traviati. Si presentano quindi i principali mi­racoli eucaristici, in maggioranza quelli avvenuti in Italia, terra dei Santi, centro della Chiesa Cattolica.LEGGERE...

LO SPIRITO SANTO
di Don Giuseppe Tomaselli 

INTRODUZIONE

S'insegna ai bambini che si preparano alla Prima Comunione e si ricorda spesso ai fedeli di ogni ceto, che il principale mi­stero della Fede Cattolica è l'esistenza di un Dio solo, in tre Persone, uguali e distinte: Padre, Figlio e Spirito Santo.
Non basta credere nella SS. Trinità, ma si deve anche onorare ogni singola Persona Divina, adorandola, benedicendola, invocan­dola.LEGGERE...

L'ANIMA ONESTA AL CONFESSIONALE
DON GIUSEPPE TOMASELLI

INTRODUZIONE

L'ignoranza religiosa è la piaga della massa popolare. Riguardo al Sacramento della Confessione, non di raro l'ignoran­za raggiunge il massimo limite; ne sanno qualche cosa i Ministri di Dio, per dolo­rosa esperienza.
Il tempo della Pasqua suole esser per tanti occasioni di ravvicinamento a Dio con la Santa Confessione; purtroppo in certe circostanze la Confessione diven­ta confusione, sia per l'ignoranza religio­sa del penitente, sia per la sveltezza che deve tenere il Sacerdote allorché si pre­sentano molti al confessionale. Guai se il Confessore tenesse a lungo un peni­tente! Sarebbero atti d'impazienza da par­te di quelli che aspettano, i quali o se ne ritornerebbero a casa senza confessarsi, o borbotterebbero o giudicherebbero mala­mente e Sacerdote e penitente!LEGGERE...

LA VERGINITA’ NEL MONDO
Di Don Giuseppe Tomaselli
LIBRERIA SACRO CUORE Via Lenzi, 24 - 98100 MESSINA
Il nuovo libro, «La Verginità nel mondo », che il pio D. Tomaselli della Congregazione Salesiana fa seguire all'al­trettanto prezioso suo lavoro « La Ver­ginità di S. Giuseppe, Sposo purissimo di Maria Santissima », merita tutta la attenzione dei credenti in Dio e la ri­flessione onesta dei « superficiali ».LEGGERE...

LA PREGHIERA CI SANTIFICA
di Don Giuseppe Tomaselli

INTRODUZIONE
Nel Tempio un numeroso uditorio at­tendeva la predica di un bravo oratore. Questi, salito sul pulpito, così cominciò: - L'uomo è potente come Dio! - La proposizione, a prima vista azzar­data, fece colpo. L'oratore continuò: - L'uomo è potente come Dio perchè può pregare; quando prega, partecipa dell'onnipotenza divina. Può divenire pa­drone dei tesori celesti e può far mutare i disegni dell'Altissimo. - L'oratore trattò brillantemente il tema della preghiera, soffermandosi sulla sua efficacia.LEGGERE...

LA FEDE
Don Giuseppe TomaselliLEGGERE...

LA CONFESSIONE

Di Don Giuseppe Tomaselli

LA VASCA DI SILOSLEGGERE...

IMPORTANZA DELLA PAROLA
Don Giuseppe Tomaselli LEGGERE...

INTERVISTA CON MELID (DEMONIO IMPURO)

Don Giuseppe Tomaselli 

Sua Eminenza, il Cardinale CORRADO URSI, Arcivescovo di Napoli ha dato il suo giudizio sul presente libretto: E’ uno scritto che non contiene errori. E’ interessante. Si diffonda che farà tanto bene. Napoli, 24. 5. 84LEGGERE...

IL PIANTO DELLA VERGINE

(Cinquefrondi) 1972-1973

Don GIUSEPPE TOMASELLI MESSINA 

leggere... 

IL PARADISO
di don Giuseppe Tomaselli

INTRODUZIONE

Ho pubblicato, non è molto, un opu­scolo dal titolo “L'Inferno c'è!”. Dalle molte richieste ho rilevato l'interesse che suscita nei lettori.
Per completare il trattato sulla Vita Eterna credo opportuno scrivere anche sul Paradiso. Questo tema è più nobile e più confortante del precedente.
Le fonti, alle quali attingo, sono: la Teologia Dommatica e la vita di diversi Santi.
Ai fatti soprannaturali che si ripor­tano si è tenuti a prestare solo la fede umana.Leggere...

IL COMANDAMENTO CALPESTATO
di Don Giuseppe Tomaselli
INTRODUZIONE
Attraversavo in filobus la via Etnea di Catania. In una « fermata facoltativa » ebbi modo di osservare le copertine di alcuni libri esposti in vetrina presso una libreria. Mi colpì un titolo: « Tutti la­dri ».
- Possibile, dissi tra me, che tutti siamo ladri? - Non mi diedi la briga di provvedermi del volume; ma ritor­nando col pensiero a quel titolo, con­clusi: Se non si è ladri da tutti, lo si è certamente da una gran maggioranza!
Volli in seguito approfondire il pro­blema e mi decisi a comporre questo scritto.
Tratterò della giustizia, in genere ed in specie, e dell'obbligo della restitu­zione.LRGGERE...
I VIZI CAPITALI
Di don Giuseppe Tomaselli


INTRODUZIONE
Uno scritto sui « Vizi capitali » è di grande utilità. Ordinariamente quando si scrive, si rivolge la parola a qualche categoria di anime. Il presente lavoro invece riguarda tutti, perché non c'è per­sona che possa dire: Io sono esente da ogni miseria morale! ... Non sento gli incentivi al male!
Benedica il buon Dio questo umile scritto!LEGGERE...

I NOSTRI MORTI
LA CASA DI TUTTI
di Don Giuseppe Tomaselli

INTRODUZIONE
In questa vita di miserie morali per giustificare le proprie debolezze, si dice: Le passioni sono troppo forti e non sem­pre posso resistere!... Del resto, dopo del peccato ricorro alla Confessione! -
Altri dicono: Io non commetto gravi peccati! Manco sempre in certe scioc­chezzuole, che sono inevitabili!... C'è in­vece chi pecca più di me e con più gra­vità! -
Quando muore qualcuno, si vuole escla­mare: Che santa persona! Quanto bene ha fatto! Certamente è andata in Para­diso! -
Sulle tombe le iscrizioni più bugiarde e lusinghiere presentano i trapassati qua­li modelli di preclare virtù.LEGGERE...


I MORTI RISORGERANNO
Don Giuseppe Tomaselli
 
INTRODUZIONE
Sentir parlare di morte, d'inferno e di altre grandi verità, non sempre piace, specialmente a chi vuol godere la vita. Eppure è necessario pensarci! Tutti vor­rebbero andare in Paradiso, cioè nel go­dimento eterno; per arrivarci però biso­gna anche meditare su certe verità, perché grande segreto per salvare la pro­pria anima è il meditare i novissimi, cioè quanto ci attende subito dopo la morte. - Ricorda i tuoi novissimi, dice il Si­gnore, e non peccherai in eterno! - La medicina è disgustosa, però dà la salute. Ho creduto bene fare un lavoro sul Giu­dizio Divino, perchè è uno dei novissimi che maggiormente scuote l'anima mia e penso che sarà utile a molte altre anime. Tratterò in modo speciale del Giudizio Universale, perchè non è conosciuto come merita dal popolo.LEGGERE...

I DONI DI DIO

Don Giuseppe Tomaselli

 
PREFAZIONE
Quanto di bene si riscontra nelle crea­ture, viene dal Creatore. A Dio dunque vada l'onore e la gloria.
Purtroppo, ordinariamente, non si pen­sa a ciò. Il ricco dice: La ricchezza è mia; io ne sono padrone e ne faccio quello che più mi aggrada! -
Chi ha qualche attitudine, fisica od in­tellettuale, ne va orgoglioso e suole di­sprezzare chi ne è privo.LEGGERE...

GLI ANGELI RIBELLI
di Don Giuseppe Tomaselli
 
INTRODUZIONE - Il demonio esiste! Nell'esercizio del Ministero Sacerdota­le ho incontrati alcuni ... pochi…, i quali credono che il demonio sia un nome astratto, cioè intendono per demonio l'as­sieme dei mali che si riscontrano nel mondo. Ci sono di quelli che hanno un timore esagerato del demonio; altri si ridono della sua potenza. Molti non sanno come comportarsi nel­la lotta contro il nemico spirituale; tre­mano quando c'è da stare tranquilli e vanno sicuri quando è necessario tre­pidare. Questo lavoro sarà utile a tali catego­rie di anime. LEGGERE...


GLI ANGELI
di Don Giuseppe Tomaselli
INTRODUZIONE
Dopo Maria SS.ma, gli Angeli sono le creature più nobili uscite dalla mente di Dio. Essi, a preferenza dei Santi, meri­tano il principale nostro culto. E’ bene avere qualche nozione essenziale sugli Angeli, per apprezzarli di più, per invocarli con più fede e specialmente per cor­rispondere alle cure amorose degli An­geli Custodi.
Con questo scritto intendo rendere ono­re all'Arcangelo Gabriele, mio particolare Protettore, la cui speciale assistenza invoco tutti i giorni.LEGGERE...

DIO E LE MISERIE UMANE  scarica
Di Don Giuseppe Tomaselli

INTRODUZIONE

Il mondo è un ammasso di miserie mo­rali e fisiche; si può paragonare ad un mare in tempesta. Non tutti però sanno e possono dare il giusto valore agli avve­nimenti privati e pubblici e per conse­guenza non pochi arrivano a dire, quan­tunque senza convinzione: « Iddio non c'è!... Se Egli ci fosse, dovrebbe in qual­che modo interessarsi dell'umanità sof­ferente». Altri, pur ammettendo l'esi­stenza di Dio, davanti alle umane mise­rie imprecano contro Dio, ne criticano la condotta nel mondo e dicono: Iddio c'è; però fa i fatti suoi!... Ha creato il mondo e poi l'ha abbandonato!... In que­sta ed in quella circostanza il Signore non si è comportato bene!... Si dimostra ingiusto... dà troppa libertà ai cattivi... non tratta i buoni come meritano!... -
Il presente lavoro ha per iscopo di far vedere quali siano o quali possano esse­re i fini di Dio nel permettere i mali che nel mondo constatiamo e quali siano i doveri dell'umanità sofferente verso il Creatore.LEGGERE...

CON DIO E SENZA DIO
(LA FAMIGLIA)

DON GIUSEPPE TOMASELLI

NIHIL OBSTAT Catanae die 12 Novembris anno 1951 Can. Archangelus pragalà Rev. Eccl. IMPRIMATUR Can. Joseph Carciotto, Vic. Gen.
 

INTRODUZIONE

Se Iddio non esistesse, si dovrebbe, per così, dire, crearlo, affinché l'umanità possa mantenersi nell'equilibrio morale. Se il mondo va male, almeno in gran parte, lo si deve al fatto che molti vivono come se non ci fosse un Essere Supremo.
La credenza in Dio e l'osservanza delle sue leggi sono i due coefficienti di capitale importanza, necessari all'individuo, alla fa­miglia e alla società.
Il presente lavoro descrive due famiglie: una dove si pratica la Religione e l'altra ove si pensa a tutto, tranne che a Dio.
Le scene riprodotte son prese in massi­ma parte dal vero, servendomi della mia esperienza personale.LEGGERE...

D. GIUSEPPE TOMASELLI

COMBATTIMENTO SPIRITUALE   scarica
(Tentazioni)

NIHIL OBSTAT QUOMINUS IMPRIMATUR Messanae, 1-1-1967
Sac. Franciscus Sgalambro IMPRIMATUR
Messanae, 6-3-1967
Can. Pantaleon Minutoli Vic. Gen.LEGGERE...


http://www.preghiereagesuemaria.it/libri.htm

LA SANTA MESSA

LA SANTA MESSA
  scarica il libro                                                             CAPITOLO PRIMO  
DELL'ESSENZA DELLA S. MESSA  
In latino la santa Messa è chiamata Sacrificium. questa parola significa contemporaneamente immolazione ed offerta. Il Sacrificio è un tributo offerto a Dio solo, da uno dei suoi servi appositamente consacrati, per riconoscere e confermare la so­vranità dell'Onnipotente sulle creature.
Che il Sacrificio così interpretato non convenga che a Dio solo, sant'Agostino lo prova con l'usanza universale e co­stante di tutti i popoli. "Chi ha mai pensato - dice - che si pos­sano offrire dei sacrifici ad altri che a Colui che riconosciamo come Dio o che viene qualificato per tale?". Lo stesso Padre dice ancora altrove: "Se il demonio non sapesse che il Sacrificio appartiene a Dio solamente non chiederebbe sacrifici ai suoi adoratori. Molti tiranni si sono attribuiti prerogative proprie della divinità, pochissimi hanno ordinato che si offrissero loro dei sa­crifici e quelli che l'hanno osato, si sono studiati di farsi credere altrettanti dei. Secondo la dottrina di san Tommaso, sacrificare a Dio è una legge così naturale che l'uomo vi è portato spon­taneamente. Per far questo Abele, Noè, Abramo, Giacobbe e gli altri patriarchi non ebbero bisogno, per quanto sappiamo, di un ordine o di un'ispirazione dall'Alto.
E non solamente hanno sacrificato a Dio i veri creden­ti, ma i pagani stessi hanno fatto altrettanto per onorare i loro idoli. Nella legge che dette agli israeliti, il Signore comandò loro di offrirgli ogni giorno un sacrificio che, nelle grandi feste, era compiuto con una straordinaria solennità.LEGGERE...

La   Sublimità della Santa Messa  meditando gli scritti della Beata Maria di Gesù Deluil-Martiny
Fondatrice delle Figlie del Cuore di Gesù LEGGERE...