Don Divo Barsotti

Arquivo do blog

quarta-feira, 24 de fevereiro de 2010

Pensieri del Cardinale Beato Ildefonso Schuster

Blessed Ildefonso Cardinal Schuster

schuste4.jpg picture by kjk76_95

Ildefonso Schuster was born on January 18, 1880 in Rome, Italy. Schuster was created cardinal-priest by Pope Pius XI on July 15, 1929, receiving the title of Ss. Silvestro e Martino ai Monti on July 18, 1929. He was consecrated on July 21, 1929 in the Sistine Chapel by Pius XI personally. Schuster died on August 30, 1954. Cardinal Angelo Giuseppe Roncalli (future Pope John XXIII) celebrated his funeral.The diocesan process of his cause for sainthood was opened by archbishop Giovanni Battista Montini (future Pope Paul VI). His tomb was opened and his body found to be intact on January 28, 1985. Schuster was beatified on May 12, 1996 by Pope John Paul II. (Wiki Post on the Cardinal)

schuste6.jpg picture by kjk76_95

ilcardinaleSchuster7.jpg picture by kjk76_95

ilcardinaleSchuster5.jpg picture by kjk76_95

schuste5.jpg picture by kjk76_95

1940_037.jpg picture by kjk76_95

ilcardinaleSchuster2.jpg picture by kjk76_95

schuste1.jpg picture by kjk76_95

ilcardinaleSchuster3.jpg picture by kjk76_95

1940_032.jpg picture by kjk76_95

fonte:http://hallowedground.wordpress.com/




Sento da più parti, che il Signore desidera una riforma nel Clero e negli Ordini Religiosi. La veste canonica c'è, ma sotto questa veste, talora c'è poco spirito! La vera crisi sta tutta qui. (25 giugno 1945)

Gli Ordini Religiosi vivono dei loro ricordi storici. I Seminari di molta parte d'Italia mancano di veri educatori. Si sente il bisogno di vaste riforme, ma bisogna pregare perché Dio ne faccia sentire la necessità ai Supremi Piloti della Nave. Senza di essi, non si fa nulla. (14 ottobre 1945)

Purtroppo, di fronte al Comunismo trovasi un Cristianesimo in gran parte svuotato del suo contenuto – Parlo delle masse, e non degli individui -. Il rito e la coreografia hanno il predominio sulla dottrina e sulla vita evangelica. Bisogna anzitutto riportare il Clero allo spirito evangelico, indi la Parrocchia, la Diocesi e la Chiesa, in quanto massa. Sono necessari i Santi. Solo essi comprendono tali problemi e li sentono. Gli altri no. (3 settembre 1950)

Il grande errore del secolo, che si infiltra anche nel santuario e nei chiostri, è il naturalismo, che prende il posto del soprannaturale. Quale seduzione! Ecco perché gran parte dell'attività ecclesiastica è scarsa di frutto: “Quod natum ex carne, caro est”. E' carne. E' soprattutto la formazione del giovane clero, che bisogna curare nei seminari e nei noviziati dei Regolari; specialmente in questi ultimi. Molti Ordini sono divenuti innanzi a Dio alberi sterili: rami e foglie, senza frutto per il Signore. (20 ottobre 1950)

L'atmosfera di Dio è quella della Fede, della grazia, dell'orazione, mentre ora, anche i Religiosi, preferiscono un'atmosfera di razionalità, di attivismo, di accomodamento allo spirito del secolo. (2 novembre 1953)

La Madonna piange anche sul Santuario, e sui Chiostri. Si ragiona troppo, e si vive poco di Fede. All'ubbidienza ecclesiastica e religiosa, sottentra il culto della personalità. Alla mortificazione sacerdotale e cristiana, succede uno spirito edonistico, che è affatto nemico alla Croce di Cristo. Anche il clero va secolarizzandosi nello spirito. Sono cose che mi fanno paura. (22 febbraio 1954)

[...] penso che la S. Chiesa abbia bisogno d'un aggiornamento a base di vita interiore nello spirito del S. Vangelo. La diplomazia, il ritualismo, il giurismo nascondono molto vuoto, ed il mondo se ne accorge. Strascichi serici, croci auree non convertono più nessuno. (15 maggio 1954)

fonte:Cordialiter