BEATO CARLO ACUTIS , A EUCARISTIA É A MINHA AUTO -ESTRADA PARA O CÉU

 


Arquivo do blog

sexta-feira, 3 de janeiro de 2014

Padre Stefano M. Manelli. Che cosa è successo negli anni sessanta?

Stefano M. Manelli. Che cosa è successo negli anni sessanta?



Riporto il capitolo successivo (pp.85-87) della Prima parte della relazione di Padre Manelli pubblicata ieri. [vedi qui].
Proprio nel ripercorrere queste pagine, mi accorgo che non potrò mancare di mettere a disposizione di tutti anche le parti successive, altrettanto eloquenti e significative. In fondo non sono altro che il suo Manifesto e ci danno le ragioni della sua scelta successiva al Summorum Pontificum ed in esso incardinata vero ponte con la Sacra Traditio Ecclesiae riguardo alla Liturgia, anima e vita della Chiesa.
Mi rendo conto infatti di quanto sia eloquente e significativo questo excursus di padre Manelli, che è la chiara esposizione del sensus Ecclesiae - trasmesso all'Ordine di cui è Fondatore - dal quale possono estrarsi molte chiavi di lettura della situazione che si è venuta a creare nello stesso, emblematica di quella dell'intera realtà ecclesiale, frutto della dicotomia tra passato e presente tra Tradizione e Profezia operato dall'attuale Gerarchia. Situazione nella quale siamo immersi e coinvolti, che non è altro che conseguenza del nuovo sensus Ecclesiae in realtà solo invocato ma non definito e desumibile dalla nuova prassi ateoretica, corrispondente ad un cambiamento di paradigma sostanziale, che vorrebbero inculcare anche a noi. Ed è per questo che ce ne occupiamo: appartiene anche a noi. Ci siamo dentro nello stesso modo. Al di là di altre possibili concause riguardanti gli FI nello specifico che, qualunque esse siano, sono evidentemente servite da pretesto per colpire la Messa Antiquior e tutto ciò che essa significa e porta con sé.

IL MOTU PROPRIO SUMMORUM PONTIFICUM
PER LA CRESCITA DELLA VITA RELIGIOSA

P. STEFANO M. MANELLI, F.I.
(Fondatore e Ministro Generale dei Francescani dell'Immacolata)

4. Che cosa è successo dagli anni sessanta?

Orbene, fino agli anni sessanta, il patrimonio liturgico che caratterizzava ogni singolo Ordine religioso è rimasto pressoché invariato, salvo le opportune modifiche marginali riguardanti, ad esempio, il calendario liturgico, che da sempre hanno arricchito o snellito i sacri riti sotto la vigile supervisione della Chiesa ufficiale. In quegli anni la Chiesa godeva ancora di una straordinaria fecondità delle vocazioni religiose, della conseguente crescita delle Missioni ad gentes, della solidità e maturità della vita cristiana del popolo di Dio.

Che cosa è successo, invece, dagli anni Sessanta in poi? In effetti, è successo che dopo la celebrazione del Concilio Vaticano II, che fu un'assise grandiosa come mai la Chiesa aveva avuto nel suo passato, l'attesa riforma liturgica post-conciliare, nel suo attuarsi, anziché operare lo sperato incremento e l'auspicata crescita della vita cristiana, ha operato, invece, una svolta, la quale, a conti fatti, ha inciso negativamente sull'intera Chiesa e sul popolo di Dio[74] e, ancor più, ha inciso negativamente soprattutto sull'impianto stesso della vita religiosa (particolarmente nell'Occidente).
Continua a leggere...»